Dietro il tendone, la recensione