Scratching the Surface: Photographs by Dennis Hopper a Roma

“The facade is not only what you want, but what you put on to get what you want. The surface is where man lives. And scratching it, should be scratching where he lives”. - Dennis Hopper

Graffiare la superficie di qualsiasi cosa sembra essere stata una prerogativa imprescindibile del temperamento artistico di un attore, regista, pittore, poeta fotografo e collezionista come Dennis Hopper.

L'interprete di ruoli ribelli e controversi sin da la Gioventù Bruciata (1955) di Nicholas Ray, al fianco del James Dean che sembra averlo incoraggiato a coltivare anche la passione per la fotografia, e l'uso della macchina fotografica regalata dalla prima moglie Brooke Haywar.

Dennis Hopper, Ritratto dell’artista © The Hopper Art Trust, Courtesy of The Hopper Art Trust and  Gagosian Gallery

Un attento osservatore di storia e controcultura americana, che ci ha lasciato un patrimonio di oltre 18mila immagini e diverse icone degli anni'60 e '70, prima di interpretare e dirigere un cult e un mito on the road del calibro di Easy Rider (1969), ispirando ben più delle generazioni di motociclisti, e continuando ad offrire prestazioni grintose con L'amico americano (1977) di Wim Wenders, Apocalypse Now (1979) di Francis Ford Coppola o il Velluto Blu (1986) di David Lynch.

Il fotografo di paesaggi desertici e corpi femminili, di interni d'ombra e viaggi on the road, nature morte e ritratti iconici, da John Wayne a Martin Luther King sul podio in difesa dei diritti civili, dai set alla vita di tutti i giorni, passando per Andy Warhol con un fiore in mano.

Dennis Hopper, Andy Warhol with Flower © The Hopper Art Trust, Courtesy of The Hopper Art Trust and Gagosian Gallery

Solo una tra le opere protagoniste della prima grande mostra dedicata all'artista dalla Gagosian Gallery di Roma con "Scratching the Surface: Photographs by Dennis Hopper", dalle ore 18.00 di martedì 23 settembre all'8 novembre 2014, nel circuito di Portrait della XIII edizione di FOTOGRAFIA – Festival Internazionale di Roma.

Una mostra che spazia dai vintage prints degli anni '60 ai film, preparata in stretta collaborazione con il The Hopper Art Trust, impegnato alla conservazione della carriera artistica e l'eredità di Dennis Hopper, sin dalla sua scomparsa nel 2010.

Tutto questo mentre la Royal Academy of Art di Londra continua ad ospitare The Lost Album, sino al 19 ottobre 2014.

  • shares
  • Mail