Luca Campigotto in mostra con paesaggi naturali e urbani

I paesaggi naturali segnati dall'uomo quanto quelli profondamente urbanizzati, fotografati da Luca Campigotto

Con la passione rivolta alla scoperta e alla documentazione di quello che rischia di andare perduto, l'obiettivo puntato su paesaggi naturali attraversati dalla memoria storica e il lato più scenografico dello spazio urbano, Luca Campigotto continua a portarci un giro per il mondo e gallerie.

I suoi progetti interessati a lasciar emergere il lato più oscuro e selvaggiamente quieto di città riflesse nella laguna come Venezia o pietre arse dal sole come il Cairo, quanto la dimensione contemplativa di paesaggi ghiacciati e grandi metropoli, continuano ad essere protagonisti di diverse mostre.

“Amo la dimensione eroica dei paesaggi. La forza spudorata delle atmosfere, la bellezza delle luci. Rimesto in un confuso immaginario mitico e fisso il mio stesso stupore. Determinato a inseguire la meraviglia” Luca Campigotto

Luca Campigotto - Lapponia 2004

Mentre i suoi paesaggi restano in mostra al primo piano della Casa dei Tre Oci di Venezia, con “Le gallerie veneziane e la fotografia” della rassega 'Tre Oci Tre Mostre, Giudecca Fotografia', fino al prossimo 12 aprile, la Galleria del Cembalo (Palazzo Borghese) di Roma, in collaborazione con Bugno Art Gallery, si prepara ad offrire un confronto tra scenari naturali e contesti profondamente urbanizzati, con Wildlands and Cityscapes a cura di Donatella Pistocchi.

Un viaggio nei paesaggi naturali più selvaggi e le memorie più ecologiche da preservare, che si estende dallo Stretto di Magellano alle sconfinate pianure della Patagonia, dal Marocco alla Strada degli Eroi sul Monte Pasubio, dall'isola di Pasqua ai ghiacci della Lapponia

Luca Campigotto - NYC 2013

Il viaggio che continua 'in città', o meglio nella dimensione urbana più cinematografica che fonde New York e Chicago, in una sorta di Gotham City che si estende dai ponti sull’East River all’Empire State Building, dalla metropolitana sopraelevata al teatro “Chicago”.

Luca Campigotto
Wildlands and Cityscapes

28 marzo - 27 giugno 2015
Galleria del Cembalo
Largo della Fontanella di Borghese, 19
Roma


Quasi in concomitanza con l'inaugurazione della mostra Wildlands and Cityscapes, alle ore 17:30 del 27 marzo 2015, la presentazione in Campidoglio del libro "Roma. Un impero alle radici dell’Europa", edito da FMR, presenterà anche l’esposizione, presso l’Istituto Nazionale della Grafica (via della Stamperia 6), di una selezione di fotografie di Luca Campigotto tratte dal volume.

Una delle immagini di apertura della serie "Teatri di guerra" sarà anche in mostra con Italia inside out, a cura di Giovanna Calvenzi, al Palazzo della Ragione Fotografia di Milano e nel pieno degli eventi per l'Expo 2015.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Foto | Wildlands and Cityscapes di Luca Campigotto, Courtesy Galleria del Cembalo

  • shares
  • +1
  • Mail