Canon EOS M3, la recensione della mirrorless all'altezza delle aspettative

Ho messa alla prova la nuova mirrorless Canon EOS M3, notevolmente migliorata rispetto alla prima versione

La Canon è stata una delle ultime aziende a salire sul carrozzone delle mirrorless . La sua prima nata, la Canon EOS M presentata nel 2012, non aveva fatto tesoro delle esperienze della concorrenza, presentandosi con alcuni evidenti punti deboli. Nella mia recensione del 2013 infatti scrivevo quando segue:

"Quindi la Canon per me dovrebbe aggiungere un mirino, va bene anche opzionale, un flash integrato, anche piccolo, nonché rendere l'autofocus più performante. Un migliore studio infine dell'ergonomia, tipo aggiungendo un tasto fisico per spegnere il touchscreen, sarebbe fantastico."

01_DSC_0213

Prime impressioni

Guardando la nuova Canon EOS M3, appena arrivata sulla mia scrivania, sembra quasi che i progettisti Canon abbiano seguito pedissequamente le mie indicazioni! Ora infatti il mirino opzionale c'è, così come il flash integrato. L'autofocus, grazie al sistema Hybrid CMOS AF III, ora garantisce prestazioni più che accettabili.

Infine l'ergonomia è nettamente migliorata. Lo si percepisce prendendola in mano. Lo si apprezza usando le ghiere ed i pulsanti, alcuni anche personalizzabili. Quello che invece non avevo suggerito, ma che segue le tendenze dei tempi, è il monitor orientabile verticalmente verso l'alto di 180°, fatto che rende estremamente semplici i selfies.

La mia prima presa di contatto è stata quindi positiva, trovandomi in mano una mirrorless non particolarmente piccola e neppure leggera, ma facile e piacevole da utilizzare. Gli unici aspetti fuori posto sono i punti di messa a fuoco raggruppati al centro dell'area inquadrata ed il bilanciamento del bianco manuale un po' macchinoso.

10_Confronto

Qualità immagine

La Canon EOS M3 restituisce dei file JPG già pronti per il web, mentre per la stampa è consigliabile affidarsi al RAW, che risulta più ricco di dettagli. Infatti nel confronto tra RAW e JPG si nota la presenza di una riduzione rumore attiva già a 125 ISO e che in generale il JPG risulti meno contrastato. Ovviamente possiamo intervenire a livello di “Stile Foto” per crearci un JPG adatto alle nostre esigenze. Sul fronte della sensibilità i file sono fondamentalmente ottimi dai 100 agli 800 ISO. Salendo a 1600 e 3200 ISO si inizia a vedere l’intervento della riduzione rumore, che si porta via il dettaglio fine. A 6400 ed in particolare a 12800 ISO la situazione ovviamente peggiora ulteriormente, con la perdita anche del dettaglio medio. Restano però ancora perfettamente utilizzabili per il web e per le stampe di piccole dimensioni.

16_ConfrontoRAW

Conclusioni

Scrivere una recensione e segnalare dei difetti, per poi trovarlo prontamente risolti nei modelli successivi è una bella soddisfazione. Questa la mia prima positiva sensazione appena presa in mano la Canon EOS M3. Ora questa mirrorless è davvero matura e pronta per dare soddisfazioni a chi vorrà usarla. Le manca sono qualche ottica in più a catalogo. Vedremo se Canon ascolterà anche questo mio ultimo suggerimento.

Piace:
- qualità immagine
- display orientabile utile per i selfie
- flash utilizzabile anche di rimbalzo
- possibilità di personalizzazione
- ergonomia generale

Non piace:
- punti di messa a fuoco raggruppati al centro
- bilanciamento del bianco manuale macchinoso

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: