Sony World Photography Awards 2017: italiani tra finalisti e vincitori

Nuove categorie, premi, calendario, giudici del Sony World Photography Awards 2017, con i fotografi italiani a dominare la shortlist dei finalisti e dei vincitori

Il 1° giugno 2016 la World Photography Organisation dichiara ufficialmente aperte le iscrizioni al prestigioso Sony World Photography Awards 2017, giunto al decimo anniversario.

Come per le precedenti edizioni, la competizione resta aperta agli aspiranti delle varie categorie Professionisti, Open, Giovani e Student Focus, quanto al miglior fotografo italiano desideroso di aggiudicarsi il National Award, selezionato fra i fotografi provenienti dal Bel Paese che concorreranno nelle dieci categorie Open.

Allo scopo di stimolare la creatività dei fotografi, l’edizione 2017 introduce nuove categorie per ciascun concorso.

Sony World Photography Awards 2017: categorie


    ● Professionisti (giudicati sulla base un progetto fotografico)

    Categorie Arte: Architettura / Concettuale / Paesaggio / Natura / Ritratto / Natura morta Categorie Documentario: Attualità (Current Affairs and News) / Storia contemporanea (Contemporary Issues) / Vita quotidiana (Daily Life) / Sport

    ● Open (giudicati sulla base di un solo scatto)

    Categorie: Architettura / Cultura / Fotoritocco (Enhanced) / Scatti in movimento (Motion) / Natura / Animali Selvatici (Wildlife) / Ritratto / Natura morta / Street Photography / Viaggio

    ● Giovani (per fotografi fra i 12 e i 19 anni, valutati sulla base di un solo scatto a tema “Bellezza”)

    ● Student Focus (per gli studenti di fotografia, valutati su un solo scatto a tema “Ricordo”)

Tutti i fotografi sono invitati a sottoporre gratuitamente i propri scatti per ognuna delle quattro categorie (Professionisti, Open, Giovani e Student Focus) attraverso l'iscrizione semplificata dal sito web del contest completamente rinnovato, seguendo il calendario delle scadenze, fissato per ogni categoria.

Sony World Photography Awards 2017: calendario appuntamenti


    ● 5 dicembre 2016: chiusura delle iscrizioni per il concorso Student Focus

    ● 5 gennaio 2017: chiusura delle iscrizioni per i concorsi Open e Giovani

    ● 10 gennaio 2017: chiusura delle iscrizioni per il concorso Professionisti

    ● 28 febbraio 2017: annuncio dei finalisti dei concorsi Professionisti, Open, Giovani e Student Focus

    ● 28 marzo 2017: annuncio dei vincitori dei concorsi Open e Giovani e dei National Award

    ● 20 aprile 2017: cerimonia di gala a Londra con assegnazione del titolo di Fotografo dell’anno, premiazione dei vincitori delle categorie Professionisti e del vincitore dei concorsi Open, Giovani e Student Focus

    ● 21 aprile – 7 maggio 2017: mostra dei Sony World Photography Awards presso la Somerset House di Londra.

Per il resto vi lascio familiarizzare con le categorie, scadenze e premi, augurando a tutti il miglior in bocca al lupo.

Sony World Photography Awards 2017: premi e vantaggi



    I vincitori dei Sony World Photography Awards potranno godere di una serie di vantaggi, fra cui:

    Set di attrezzature digitali di ultima generazione di Sony
    Un premio di 25.000 dollari per il vincitore del titolo di Fotografo dell’anno
    Un premio di 5.000 dollari per il vincitore della categoria Open
    Set di attrezzature digitali all’avanguardia di Sony per i primi classificati nei National Award
    Partecipazione alla mostra dei Sony World Photography Awards a Londra
    Pubblicazione delle immagini sul catalogo annuale riservato ai vincitori del concorso
    Esposizione mediatica a livello globale e maggior riconoscimento

“Siamo davvero orgogliosi di essere arrivati alla decima edizione: dal 2007 a oggi, i Sony World Photography Awards sono cresciuti sia in termini di numeri sia dal punto di vista della credibilità. Negli anni, siamo riusciti a scoprire e a celebrare mondi e capolavori fotografici molto eterogenei. È un onore pensare che sia stata questa competizione a far decollare la carriera di tanti fotografi emergenti in tutto il mondo, contribuendo al tempo stesso alla diffusione del lavoro di innumerevoli professionisti affermati. Vogliamo che, negli anni a venire, la fotografia esplori nuovi territori creativi: questo è il nostro impegno.”

Scott Gray, CEO della World Photography Organisation

La Giuria dei Sony World Photography Awards 2017

I giudici del concorso Professionisti, presieduti da Zelda Cheatle, curatrice (Regno Unito), saranno, Allegra Cordero di Montezemolo, curatrice e responsabile mostre del Centro de la Imagen (Messico); Russ O’Connell, picture editor di The Sunday Times Magazine (Regno Unito); Aida Muluneh, fotografa e imprenditrice culturale (Etiopia); Denis Curti, direttore artistico della Casa dei Tre Oci (Italia) e Francoise Callier, coordinatrice del programma dell’Angkor Photo Festival & Workshops (Francia).

"Darò maggior peso all’originalità dell’idea e della realizzazione, alla presenza di una visione precisa – un concetto chiaro che si traduca bene in una foto appesa alla parete o sullo schermo.Una bella fotografia riesce sempre a catturare l’attenzione, che sia per la sua semplicità, per la buona qualità, per una vena umoristica, compassionevole o ingenua, per una coincidenza fortunata o un bel messaggio"

Zelda Cheatle, Presidente del concorso Professionisti

I concorsi Open e Youth saranno presieduti dal giornalista e fotografo Damien Demolder (Regno Unito), che valuterà anche il concorso National Awards aperto a 61 Paesi.

Il concorso Student Focus sarà giudicato da una giuria che vede come protagonisti Andrea Kurland, caporedattore di Huck (Regno Unito), Dan Rubin, fotografo/direttore creativo (Regno Unito), Jennifer Shaw, fondatrice / direttrice creativa, PhotoNOLA (US).

sony-world-photography-awards-2017-apre-le-iscrizioni.jpg

La World Photography Organisation ha annunciato l’assegnazione del premio Outstanding Contribution to Photography a Martin Parr che ritirerà il premio durante la cerimonia di premiazione dei Sony World Photography Awards 2017, programmata per giovedì 20 aprile 2017 a Londra.

Per l'occasione, contestualmente alla mostra degli stessi, la curatrice Zelda Cheatle, dedicherà tre sale della prestigiosa Somerset House di Londra, all'inaugurazione di una mostra speciale, dedicata ai rarissimi scatti in bianco e nero realizzati da Martin Parr all’epoca degli esordi.

Venerdì 21 aprile 2017, il fotografo terrà anche una conferenza aperta al pubblico, presso la London School of Economics and Political Sciences (LSE) (I biglietti potranno essere acquistati sul sito https://www.worldphoto.org/2017exhibition)

I finalisti del Sony World Photography Awards 2017

Con oltre 227.000 opere inviate da 183 paesi, i giudici della decima edizione dei World Photography Awards hanno scelto i finalisti di ogni categoria.

Sony World Photography Awards 2017: finalisti

CATEGORIE

PROFESSIONISTI

Architettura

Adi Bulboacă, Romania
Alessandro Piredda, Italia
Alissa Everett, Stati Uniti (residente in Kenya)
Diego Mayon, Italia
Dongni, Cina
Julien Chatelin, Francia
Marvin Systermans, Germania
Zsolt Hlinka, Ungheria

Concettuale

Alexander Anufriev, Russia
Carla Sutera Sardo, Italia
Jeroen De Wandel, Belgio
João San, Brasile
Sabine Cattaneo, Svizzera
Gao Peng, Cina

Storia contemporanea

Amber Bracken, Canada
Andrea Foligni, Italia
Danial Khodaie, Iran
Javier Arcenillas, Spagna
Li Song, Cina
Lorenzo Maccotta, Italia
Tasneem Alsultan, Arabia Saudita

Attualità

Alessio Romenzi, Italia
Asger Ladefoged, Danimarca
Ivor Prickett, Irlanda
Javier Arcenillas, Spagna
Joe Raedle, Stati Uniti
Karl Mancini, Italia
Paşa İmrek, Turchia
Sebastian Castañeda, Perù

Vita quotidiana

Alice Cannara Malan, Italia
Asger Ladefoged, Danimarca
Christina Simons, Islanda (residente in Australia)
Ioana Moldovan, Romania
Majlend Bramo, Italia
Michael Tummings, Regno Unito
Nader Saadallah, Egitto
Sandra Hoyn, Germania
Toby Binder, Germania
Yulia Grigoryants, Armenia

Paesaggio

Dino Kuznik, Slovenia
Frederik Buyckx, Belgio
Jayanta Roy, India
Kurt Tong, Regno Unito
Peter Franck, Germania
Tom Jacobi, Germania

Natura

Ami Vitale, Stati Uniti
Christian Vizl, Messico
Esther Whyatt, Regno Unito
Felicity McCabe, Regno Unito
Mariusz Prusaczyk, Polonia
Tommaso Rada, Italia (residente in Brasile)
Will Burrard-Lucas, Regno Unito

Ritratto

Craig Easton, Regno Unito
Dario Mitidieri, Italia
George Mayer, Russia
Giulia Piermartiri e Edoardo Delille, Italia
Mahesh Shantaram, India
Romina Ressia, Argentina
Ren shi Chen, Cina
Snezhana von Buedingen, Russia (residente in Germania)

Sport

Andrea Rossato, Italia
Eduard Korniyenko, Russia
Jason O'Brien, Australia
Mark Gong, Stati Uniti
Yuan Peng, Cina
Luo Pin Xi, Cina

Natura morta

Ansgar Sollmann, Germania
Julien Caïdos, Francia
Christoffer Askman, Danimarca
Grant Hegedus, Regno Unito
Henry Agudelo, Colombia
Paul Sanders, Regno Unito
Shinya Masuda, Giappone

CATEGORIE OPEN

Architettura

Barry Tweedy-Rycroft, Regno Unito
Claudio Cantonetti, Italia
Frank Machalowski, Germania
Franklin Neto, Brasile (residente in Portogallo)
Lester Koh Meng Hua, Singapore
Nick Frank, Germania
Oscar Lopez, Germania
Robert Walker, Regno Unito
Tim Cornbill, Regno Unito
Ute Scherhag, Germania

Cultura

Beniamino Pisati, Italia
Emrah Karakoç, Turchia
Jianguo Gong, Cina
Mark Languido Vicente, Filippine (residente in Kuwait)
Michal Plachta, Polonia
Paweł Jędrusik, Polonia
Foley Hits, Malesia
Radu Dumitrescu-Elian, Romania
Salvatore Mazzeo, Italia
Vito Leone, Italia

Fotoritocco

Alex Andriesi, Romania (residente in Francia)
Andrea Torres Balaguer, Spagna
Tong Chun Kin, TOMY, Hong Kong
Gil Josquin, Brasile
Harry Botley, Regno Unito
John Chen, Cina
Julian Schievelkamp, Germania
Lise Johansson, Danimarca
Sergey Dibtsev, Russia
Yong Lin Tan, Malesia

Scatti in movimento

Jimmy Reid, Regno Unito
Olga Sinenko, Russia (residente in Ucraina)
K. W. Hon (OqWing), Hong Kong
Argus Paul Estabrook, Stati Uniti (residente in Corea del Sud)
Gül Yıldız, Turchia
Stacy Anguiano Cain, Messico (residente negli Stati Uniti)
Mariusz Stanosz, Polonia
Oktay Subaşi, Turchia
Camilo Diaz, Colombia
Luigi Panico, Italia

Natura

Francesco Russo, Italia
Miyono Okamoto, Giappone
Hiroshi Tanita, Giappone
Christina Roemmelt, Germania (residente in Austria)
Ann Ric, Malesia
Sorin Rechitan, Romania
Josselin Cornou, Francia (residente in Australia)
Sakuma Masayasu, Giappone
Elzbieta Kurowska, Canada
Maximilian Conrad, Germania

Ritratto

Dalibor Tomic, Serbia
Carl Jeffers, Regno Unito
Saeid Moridi, Iran
Alexey Munich, Russia
Carloman Macidiano Céspedes Riojas, Perù (residente in Argentina)
Anisleidy Martínez Fonseca, Cuba (residente nei Paesi Bassi)
Alexander Vinogradov, Russia
Tim Topple, Regno Unito
Fajar Kristianto, Indonesia
Tadas Kazakevicius, Lituania

Natura morta

Nick Pershai, Bielorussia
Gijs van den Berg, Paesi Bassi
Zani Arkadina, Ucraina (residente in Germania)
Sergey Dibtsev, Russia
Iwona Czubek, Polonia
Maxim Korotchenko, Russia
Wilson Lee, Hong Kong
Esthaem, Austria
Andrés Gallardo Albajar, Spagna (residente in Estonia)
Massimiliano Balo', Italia (residente nel Regno Unito)

Street Photography

Caio Vita, Brasile (residente nei Paesi Bassi)
Jelena Janković, Serbia
Jian Seng Soh, Malesia (residente in Irlanda)
Gimmi Corvaro, Italia
Constantinos Sofikitis, Grecia
Ge Wang, Cina
Dina Alfasi, Israele
Hendra Permana, Indonesia
Ash, Giappone
Tavepong Pratoomwong, Thailandia

Viaggio

Jose Maria Perez Nuñez, Argentina
Stéphane Couture, Canada (residente negli Stati Uniti)
Rob Wilson, Canada
Placido Faranda, Italia (residente in Svizzera)
Zhu Jianxing, Cina
Vladimir Zhoga, Russia
Ralph Gräf, Germania
Swapnil Deshpande, India
Achim Thomae, Germania
Fanjing Lu, Cina

Animali

Andreas Hemb, Svezia
Alessandra Meniconzi, Svizzera
Jan Ryser, Svizzera
Eugene Kitsios, Paesi Bassi (due volte finalista)
Fan Chen, Cina
Bar Kaufman, Israele
Natsumi Handa, Giappone
Nigel Hodson, Regno Unito
Menzioni speciali

CONCORSO GIOVANI

Ai fotografi di età compresa tra 12-19 anni è stato chiesto di presentare un singolo scatto sul tema della “bellezza”.

Helen Kiparissa, Grecia
Bella Wong, Cina (residente nel Regno Unito)
Andrej Kiripolský, Slovacchia
Taciu Rares, Romania
Katelyn Wang, Stati Uniti
Iryna Sylinnyk, Ucraina
Yujia Dou, Cina
Tanya Chinareva, Russia
Frederik Marks, Germania
Johnathan D. Chen, Stati Uniti

CONCORSO STUDENT FOCUS

Shravya Kag, School of Visual Arts, Stati Uniti (di nazionalità indiana)
Tatsuki Katayama, Kyoto University of Art and Design, Giappone
Stewart Main, Edinburgh Napier University, Regno Unito
Ruby Gaunt, Nottingham Trent University, Regno Unito
Cole Ndelu, Stellenbosch Academy of Design & Photography, Sudafrica
Nursyafiqah Azlan, Multimedia University, Malesia
Nadine Hackemer, Nuremberg Institute of Technology Georg-Simon-Ohm Faculty of Design, Germania
Sarah Schrimpf, Academy of Fine Arts Munich, Germania
Michelle Daiana Gentile, Motivarte, Argentina
Tayla Martin, Charles Sturt University, Australia

Tra i finalisti di questa decima edizione spicca un'elevata presenza di italiani, con 23 fotografi tra i finalisti del concorso e altri 25 fotografi tra quelli con menzione speciale.


    Categorie Professionisti

    Architettura – Alessandro Piredda / Diego Mayon
    Concettuale – Carla Sutera Sardo
    Storia Contemporanea – Andrea Foligni / Lorenzo Maccotta
    Attualità – Karl Mancini / Alessio Romenzi
    Vita quotidiana – Majlend Bramo / Alice Cannara Malan
    Paesaggio – Tommaso Rada
    Ritratto – Dario Mitidieri / Giulia Piermartiri & Edoardo Delille
    Sport – Andrea Rossato


Karl Mancini (Attualità) mette in luce il numero crescente di donne assassinate in Argentina, nonostante la nuova legislazione in tema di femminicidio, mentre nella stessa categoria il lavoro di Alessio Romenzi documenta i soldati libici a difesa di Sirte, contro l’ISIS. I “Ritratti persi di famiglia” di Dario Mitidieri (Ritratto) racconta la storia di coloro che hanno perso dei parenti nella guerra della Siria, mentre il lavoro di Majlend Bramo’s (Vita quotidiana) è parte di un progetto a lungo termine che documenta la scomparsa della comunità Parsi a Mimbai, in India.

Argomenti contrastanti sono trattati nella categoria Attualità – i danni ambientali delle Alpi Apuane, in Toscana, di Andrea Foligni, e l’industria del porno su webcam di Lorenzo Maccotta, argomento quest’ultimo trattato anche in una serie di foto architettoniche dei bordelli grechi di Diego Mayon.
Nella categoria Architettura, Alessandro Piredda ha fotografato alcuni dei palazzi italiani più significativi di notte, mentre un progetto personale che ruota attorno alla famiglia della fotografa è valso ad Alice Cannara Malan un posto tra i finalisti della categoria Vita quotidiana.
Uno degli sport più antichi della storia, le bocce, è il soggetto ritratto da Andrea Rossato, mentre la serie “fine art” di Carla Sutera Sardo’s (Concettual)guarda alla relazione intima che si sviluppa tra il corpo e l’acqua.
La coppia Giulia Piermartiri & Edoardo Delille (Ritratto) sfida ciò che crediamo di sapere sull’archetipo di elettore di Donald Trump, mentre l’opera di Tommaso Rada (Natura) è scattata al Museo di Storia Naturale e forza lo spettatore a rivivere i ricordi d’infanzia legati alle visite a un museo.


    Categorie Open

    Architettura – Claudio Cantonetti
    Cultura – Baniamino Pisati / Salvatore Mazzeo / Vito Leone
    Scatti in movimento – Luigi Panico
    Natura - Francesco Russo
    Natura Morta - Massimiliano Balò
    Street Photography – Gimmi Corvaro
    Viaggio – Placido Faranda

Nel concorso Open, le tre immagini finaliste nella categoria Cultura documentano il Venerdì Santo a ENNA (Salvatore Mazzeo), il battesimo di un neonato in una chiesa di Tbilisi, in Georgia (Beniamino Pisati), e una spiaggia assolata del Salento (Vito Leone). Spesso ritratti anche il mondo naturale e i suoi paesaggi – l’aspra costa del Montenegro (Placido Faranda, categoria Viaggio), il parco nazionale dei Monti Sibillini (Francesco Russo, Natura), la città di Trapani (Massimiliano Balò, Natura Morta) e uno scatto architettonico del Palazzo della Civiltà Italiana a Roma (Claudio Cantonetti). La categoria Street Photography vede rappresentata l’ora del tè in Iran (Gimmi Corvaro), mentre il movimento aggraziato di un levriero è finalista nella categoria Scatti in Movimento (Luigi Panico).


    Menzioni speciali

    Paolo Agati, Natura
    Marco Amato, Ritratto
    Giuseppe Ardica, Street Photography
    Fabio Bascetta, 3 segnalazioni in Natura Morta
    Massimo Ermes Bietti, Cultura
    Antonio Caputo, Natura
    Serena Carminati, 3 segnalazioni in Natura Morta
    Silvia Casali, Cultura
    Sergio Cattini, Natura Morta
    Michele Di Donato, Architettura
    Mattia Faloretti, Natura Morta
    Fulvio Frioli, Scatti in Movimento
    Giovanna Griffo, Natura
    Giuseppe Ippolito, Scatti in Movimento
    Lorenzo Linthout, Architettura
    Pier Mane, Cultura
    Roberto Marchegiani, Natura
    Germano Miele, 2 segnalazioni in Scatti in Movimento e Street Photography
    Famà Pancrazio, Cultura
    Marcello Perino, Ritratto
    Simone Pioli, Viaggio
    Ivano Quaiattini, Ritratto
    Silvia Toniolo Venier, Natura Morta
    Enrico Villa, Animali
    Ylenia Viola, Fotoritocco

sony-world-photography-awards-2017-i-vincitori.jpg

Sony World Photography Awards 2017: i vincitori

Dopo aver ricevuto oltre 227.000 candidature provenienti da 183 paesi che arrivano a quota 1 milione dalla prima edizione del 2007, i Sony World Photography Awards 2017 sono pronti ad annunciare i vincitori.

The World Photography Organisation ha assegnato il 2017 ZEISS Photography Award “Seeing Beyond” dedicato a Meaningful Places, al fotografo belga Kevin Faingnaert per il progetto “Føroyar” realizzato nelle zone più remote e poco popolate delle Isole Faroe.

Tra gli altri 9 lavori ritenuti più meritevoli dalla giuria, c'è anche quello dell'italiano Mario Adario che ha documentato i pellegrinaggi in occasione del Natale nell'etiope Lalibela.

Con lui Anna Filipova (Bulgaria/ UK), Christopher Roche (UK), Sonja Hamad (Germania), Ben Bond Obiri Asamoah (Ghana), Frederik Buyckx (Belgio), Nicholas White (UK), Fabian Muir (Australia), Nicky Newman (South Africa).

Salvatore Mazzeo è il vincitore del National Award per l’Italia con "L’anima sacra siciliana", seguito da Giuseppe Ardica, 2° classificato con l’immagine "Le donne sono meravigliose" e Marcello Perino, 3° classificato con l’immagine "Bellezza indiana alla stazione". Online trovate tutti i nomi dei primi, secondi e terzi vincitori del National Award dei 66 paesi in concorso.

salvatore-mazzeo-italia-lista-open-cultura-2017-sony-world-photography-awards.jpg


    Sony World Photography Awards 2017: vincitori categorie Open

    Architettura - Tim Cornbill (Regno Unito)
    Cultura - Jianguo Gong (Cina)
    Fotoritocco - Lise Johansson (Danimarca)
    Scatti in movimento - Camilo Diaz (Colombia)
    Natura - Hiroshi Tanita (Giappone)
    Ritratto - Alexander Vinogradov (Russia)
    Natura morta - Sergey Dibtsev (Russia)
    Street Photography - Constantinos Sofikitis (Grecia)
    Viaggio - Ralph Gräf (Germania)
    Animali - Alessandra Meniconzi (Svizzera)

Frederik Buyckx è il Fotografo dell’Anno

Con i vincitori di tutte le categorie della sezione Professionisti arriva anche il Fotografo dell’Anno, prestigioso riconoscimento assegnato al fotografo belga Frederik Buyckx, insieme ad un premio del valore di 25.000 dollari per la serie di immagini “Whiteout”, scattata nelle zone remote di Balcani, Scandinavia e Asia Centrale, cogliendo la trasformazione della natura all’arrivo dell’inverno con una forza, eleganza e bellezza, tali da incantare i giudici.

"Ho scelto una serie di scatti paesaggistici perché volevo tornare a un approccio fotografico improntato all’essenza. Spesso i paesaggi vengono snobbati, ma in realtà hanno un ruolo chiave per la nostra esistenza. Sono immagini splendide, realizzate da un fotografo serio, e meritano tutta la nostra ammirazione. Spero che questo premio ispiri molti altri fotografi a cogliere non soltanto gli aspetti più tragici della vita, simbolo di un’epoca travagliata, ma anche i momenti di gioia e di grazia che si nascondono in ogni ambiente".

Zelda Cheatle, Presidentessa di Giuria

Vincitori di tutte le categorie della sezione Professionisti

Vincitore Architettura: Dongni, Cina
2°– Julien Chatelin, Francia / 3°– Diego Mayon, Italia

Vincitore Concettuale: Sabine Cattaneo, Svizzera
2°– Gao Peng, Cina / 3°– Alexander Anufriev, Federazione Russa

Vincitore Storia contemporanea: Tasneem Alsultan, Arabia Saudita
2°– Li Sony, Cina / 3°– Lorenzo Maccotta, Italia

Vincitore Attualità: Alessio Romenzi, Italia
2°– Joe Raedle, Stati Uniti / 3°– Ivor Prickett, Irlanda
Vincitore Vita quotidiana: Sandra Hoyn, Germania

2°– Christina Simons, Islanda / 3°– Alice Cannara Malan, Italia
Vincitore Paesaggio: Frederik Buyckx, Belgio

2°– Kurt Tong, Regno Unito / 3°– Peter Franck, Germania
Vincitore Natura: Will Burrard-Lucas, Regno Unito

2°– Ami Vitale, Stati Uniti / 3°– Christian Vizl, Messico
Vincitore Ritratto: George Mayer, Federazione Russa

2°– Romina Ressia, Argentina / 3°– Ren shi Chen, Cina
Vincitore Natura morta: Henry Agudelo, Colombia

2°– Shinya Masuda, Giappone/ 3°– Christoffer Askman, Danimarca
Vincitore Sport: Yuan Peng, Cina
2°– Eduard Korniyenko, Federazione Russa / 3°– Jason O’Brien, Australia

Il migliore scatto singolo

Il migliore scatto singolo è “Mathilda” il ritratto della ragazzina, ispirato al film francese Léon, scattato dal fotografo russo Alexander Vinogradov, che, oltre al titolo di Fotografo dell’Anno per il concorso Open, si aggiudica un premio di 5.000 dollari.

I vincitori Italiani

La World Photography Organisation ha proclamato l’italiano Alessio Romenzi vincitore del concorso Professionisti nella categoria Attualità, con la serie “We are taking no prisoners” che documenta il terrore e la brutalità che regnano nella città di Sirte, autoproclamata capitale del cosiddetto Stato Islamico in Libia, dopo sette mesi di combattimenti, con settecento morti e oltre tremila feriti tra le file dell’esercito libico.

“Tra tutte le fotografie di guerra visionate nell’ambito del concorso, queste sono di gran lunga le più intense. Romenzi è un fotografo che ha deciso di mettere a rischio la propria persona, mischiandosi alle forze che hanno lanciato l’offensiva”.

Russ O’Connell, Picture Editor di The Sunday Times Magazine (Regno Unito)

Alice Cannara Malan, ha ricevuto il 3° posto nella categoria Vita Quotidiana con la serie “My (m)other” e la riflessione personale sui rapporti familiari

“Cannara Malan ha affiancato tante immagini diverse con un approccio molto creativo e concettuale. Si percepisce l’emozione nei suoi scatti, ma non è un’emozione letterale, bensì celata”

Aida Muluneh, fondatrice/direttrice, Addis Foto Fest (Etiopia)

Diego Mayon ha vinto il 3° posto nella categoria Architettura, con “ATHENS STUDIO” e l’affascinante raccolta di immagini architettoniche dei bordelli di Atene, Grecia, dove la prostituzione è legale. Le autorità greche hanno di recente deciso di rendere attuativa una legge del 1999, che impone ai bordelli la richiesta di un permesso per poter operare.Tra le diverse tipologie previste, i bordelli denominati Studio sono quelli di fascia alta, più discreti, puliti e ordinati.

“Le insegne al neon sono il filo conduttore di tutti gli scatti che ritraggono gli Studio. Dietro la facciata di questa insegna così discreta si cela una realtà del tutto diversa, una dimensione sconosciuta al resto del mondo”.

Russ O’Connell, Picture Editor di The Sunday Times Magazine (Regno Unito)

Lorenzo Maccotta vince il 3° posto nella categoria Storia contemporanea con la serie “Live chat studio industry” che ritrae modelli e modelle che lavorano nell’industria delle webcam per adulti in Romania, nazione afflitta da uno dei tassi di disoccupazione più alti della UE e ora diventata indiscussa capitale mondiale delle attività webcam in studio.

“C’è gente che osserva dallo schermo del proprio computer delle situazioni che sembrano vere; in realtà è tutto inscenato. Sono immagini davvero affascinanti.”

Allegra Cordero di Montezemolo, curatrice e responsabile mostre, Centro de la Imagen (Messico)

Fotografo dell'anno per il concorso giovani

Il titolo di Fotografo dell’Anno per il concorso Giovani (dai 12 ai 19 anni) è stato assegnato alla sedicenne di Los Angeles (California) Katelyn Wang, per il singolo scatto sul tema della “bellezza”, intitolato “On Top of the World” con la prospettiva dall’alto del lago Pehoé e del paesaggio circonstante, all’interno del Parco Nazionale Torres del Paine (Cile).

Fotografo dell'anno per il concorso studenti

Michelle Daiana Gentile, allieva ventunenne della Escuela de Fotografía Motivarte, si è aggiudicata il titolo di Fotografo dell’Anno per il concorso Studenti, con un progetto eccezionale dal titolo “Only Hope”, interpretando il tema delle “emozioni” con gli scatti realizzati durante un periodo di dieci giorni trascorso con gli operai di una vecchia cartiera argentina. Grazie a questa vittoria, durante la cerimonia di gala riceverà attrezzature fotografiche Sony per un valore di 30.000 euro, da destinare alla propria università.

Come di consueto, tutte le opere vincitrici, finaliste e meritevoli di menzione, saranno esposte alla mostra dei Sony World Photography Awards & Martin Parr – Edizione 2017, ospitata alla Somerset House di Londra dal 21 aprile al 7 maggio 2017, prima di intraprendere il consueto tour mondiale.

Foto | Sony World Photography Awards 2017
Via | World Photography Organisation - Sony

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 8 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO