Le GoPro sopravvissute al bagno nell'azoto liquido

Negli ultimi anni le aziende produttrici hanno reso le nostre fotocamere sempre più resistenti e forti, le hanno costruite in modo da poter resistere ad acqua, polvere, sabbia e temperature molto rigide. Ma diciamoci la verità, chi utilizza le proprie fotocamere in condizioni così estreme? Io di certo la mia se piove faccio di tutto per coprirla, la proteggo un po’ da tutto, anche dalla mia sbadataggine. Le cose dichiarate però devono essere vere, anche perché poi se qualcuno sceglie di fare dei test o le usa in condizioni estreme per progetti speciali, il rischio è di venire svergognati in mezzo mondo (il web è una cassa di risonanza potentissima, ormai lo sappiamo). Grant Thompson ha fatto un test sulle sue GoPro, ha voluto vedere se resistono alle temperature bassissime come sostiene l’azienda produttrice…

GoPro sopravvissute al bagno nell'azoto liquido

Grant Thompson ha preso due GoPro, una Session ed una Hero 5, e le ha messe ammollo nell’azoto liquido fino a quando si sono congelate del tutto. Entrambe le action cam si sono comportate benissimo, hanno funzionato fino al congelamento completo, con una resistenza maggiore della Hero5. Dopo 24 ore, da scongelate, entrambe hanno ripreso a funzionare come se nulla fosse accaduto!

GoPro ha avuto una battuta d’arresto con il drone Karma (ampiamente rimediata con rimborsi e regali), ma questo video è l’ennesima dimostrazione che è un’azienda che merita fiducia.

via | digitalrev

  • shares
  • Mail