AmazonBasics Hiker, la recensione dello zaino fotografico per chi non ha paura di dimenticare qualcosa

Ho messo alla prova lo zaino fotografico AmazonBasics Hiker

"Sì viaggiare evitando le buche più dure, senza per questo cadere nelle tue paure." Così iniziava la famosa canzone di Lucio Battisti. Chissà se la paura a cui si riferiva era quella di dimenticare qualcosa a casa prima di un viaggio importante. Una paura che si potrebbe curare con un buono zaino, utile a tenere ogni cosa al posto giusto.

Uno zaino che poi diventa particolarmente importante se tra gli oggetti di cui non possiamo assolutamente fare a meno ci sono la fotocamera e il portatile. In questo caso lo zaino in questione dovrà avere dei vani dove riporre questi dispositivi al sicuro da urti e magari anche da furti.

Uno zaino che risponde a queste esigenze è il nuovo AmazonBasics Hiker, dove "hiker" va tradotto letteralmente come "escursionista", data la vocazione al viaggio data dai tanti vani. Incluso quello per mutande e altri indumenti. Ma procediamo con ordine, con le impressioni d'uso.

Pronti a viaggiare! #zaino #amazonbasics #hiker #amazon #backpack #fotografia #photography #lego #legominifigure #gianlucaboccifotoeparole

Un post condiviso da Gianluca Bocci (@gianluca.bocci) in data:


Impressioni d'uso

Lo zaino AmazonBasics Hiker colpisce subito per il suo colore arancione fluo, bel lontano dal classico nero della maggior parte degli zaini fotografici. Al di là della colorazione il tessuto è un robusto nylon antistrappo, fin troppo ricco di tasche e di cinghie.

Il vano più interessante è ovviamente quello dedicato alla fotocamera, con imbottitura estraibile e modulare. Può ospitare una reflex full frame come la mia Nikon D700 insieme allo zoom Nikkor 24-70/2.8, oppure una mirrorless con un corredo di un paio di ottiche.

Abbiamo poi il vano per il portatile, dove ho riposto agevolmente il mio portatile da 13". C'è poi il vano principale, dove riporre indumenti e altri oggetti. Tale vano può essere ampliato sacrificando il vano per la fotocamera. Ci sono poi tanti altri piccoli vani, come quelli ricavati sulle cinghie addominali.

Parlando di cinghie c'è da sottolineare la cura nelle imbottiture e nella struttura, dove troviamo anche un sistema di aerazione della schiena, in modo da evitarci la schiena completamente bagnata di sudore. Da segnalare poi le cinghie che permettono di fissare saldamente allo zaino un cavalletto oppure un sacco a pelo.

Infine si apprezzano i dettagli come la piccola apertura per il passaggio delle cuffie collegate al nostro smartphone e la copertura antipioggia, preziosa per proteggere dall'acqua fotocamera e portatile in caso di un improvviso acquazzone.

03_p1910298.jpg

Conclusioni

Se per voi fotografare e viaggiare sono due concetti che vanno a braccetto, allora la scelta dello zaino fotografico risulta un po' più complessa. Infatti non dovrete solo pensare a quante ottiche riuscirete a farci stare, ma dovrete anche chiedervi dove infilare le mutande.

Si viaggia infatti sempre più spesso con le compagnie aeree low cost, quindi con il solo bagaglio a mano. Un bagaglio dove riporre tutto l'indispensabile: fotocamera, portatile e per l'appunto le mutande. Lo zaino AmazonBasics Hiker risponde a questa esigenza, lasciando spazio anche alla possibilità di portarsi dietro cavalletto e sacco a pelo.

Il tutto con un'estetica sia moderna che vivace. Con un colore che ti riporta subito alla mente la famosa serie televisiva americana: "Orange Is the New Black".

Piace:
- estetica moderna e vivace
- vani ben fatti e posizionati
- flessibilità di utilizzo
- ergonomia

Non piace:
- nulla da segnalare

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 27 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO