The Infinite Now: dalle foto di Ray Collins ai Cinemagraphs di Armand Dijcks

Restare sulla cresta dell'onda non è facile, ancor meno strappare un istante di eternità al moto infinito dell'oceano ma The Infinite Now è un'affascinante dimostrazione di come sia possibile farlo.

Il fascino irruento e sublime dell'oceano, già colto da ogni scatto del fotografo australiano Ray Collins, muove il ciclo infinito di mare e cielo dei Cinemagraphs realizzati dal fotografo e cineasta olandese Armand Dijcks.

Ogni fotografia di Collins anima la danza delle forme dei brevi video realizzati da Dijcks, ricorrendo alla tecnica capace di prendere una frazione infinitesimale di tempo e metterla in movimento per sempre.

"the nice thing about this technique is that it lets you take an infinitesimal sliver of time, and see it in motion indefinitely"

Armand Dijcks

I brevi filmati dei Cinemagraphs mostrati da Dijcks ad André Heuvelman, trombettista della Rotterdam Philharmonic Orchestra, hanno poi ispirato la suggestiva colonna sonora realizzata insieme al pianista Jeroen van Vliet, per la sequenza ipnotica di questi istanti trasformati in esperienza infinita.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 21 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO