Guido Alimento. Il canto del mare

Il mare, fissato, descritto e interpretato dall'obiettivo di Guido Alimento, tra realismo, astrazione e poesia

"Soltanto la musica è all’altezza del mare"

(Albert Camus)

L'essenza inafferrabile e incommensurabile del mare, paragonabile solo alla musica per Camus, l'eternità per Rimbaud, un'antico idioma per Borges, o la culla di tutto, da Osho al capitano Nemo di Verne, compone anche "Il canto del mare" di Guido Alimento.

Una sinfonia di immagini digitali e orizzonti poetici, in equilibrio tra realismo e astrazione, il ritmo degi elementi e la melodia di madre natura, tessuta con le reti dei mescatori le sue trame colorate, pronta ad emergere dal legno delle barche corrose dalla salsedine, o della crepe di vernice delle cabine sulla spiaggia.

Un paesaggio lirico che invita lo sguardo a spaziare dagli orizzonti sconfinati della natura, ai dettagli di quelli definiti dagli uomini di mare, con la personale a cura di Elena Amodeo e Vittorio Schieroni, inaugurata negli spazi milanesi di MADE4ART, martedì 18 luglio alle ore 18.30, da uno speciale incontro con l’artista fotografo nato a Macerata nel 1950 e residente a Genova.

Nello stesso periodo i prestigiosi spazi del Lido Palace Hotel che volge lo sguardo al mare di Santa Margherita Ligure (Via Andrea Doria, 3), ospiteranno anche un progetto artistico di Alimento, presentato da MADE4ART e aperto al pubblico per tutta la durata della stagione estiva.

Guido Alimento.
Il canto del mare

18 - 25 luglio 2017
MADE4ART
Via Voghera, 14
Milano

Foto | Guido Alimento. Il canto del mare, Courtesy MADE4ART

  • shares
  • +1
  • Mail