Un'esposizione fotografica "a prova di pioggia"

Scritto da: -

Ciel il pleut!
E’ proprio il caso di dirlo, una mostra fotografica en plein air che ha luogo nelle “lande parigine” a settembre e ottobre, è una bella sfida agli agenti atmosferici, letteralmente pronti a scatenare tuoni e fulmini. Ma in questo caso la pioggia non solo è stata prevista, ma è entrata direttamente a far parte del tema e, di conseguenza, nel titolo della stessa esposizione che, riecheggia un’espressione tipica all’ombra della Tour, e non solo. Al grido di “Ciel il pleut!” ecco presentarsi un bel percorso organizzato dalla SIAAP, l’ente pubblico incaricato dell’approvvigionamento idrico nella regione di Parigi, nei pressi della centralissima Piazza della Bastiglia. Ancora acqua insomma e un’ottima ragione per giocarci un po’ su, visto il repentino scurirsi del cielo registrato durante la presa delle foto che accompagnano l’articolo.

Dominic Lipinsky a Doisneau, Willy Ronis, Sebastiao Salgado, Elliott Erwitt, Martin Parr, Luc Choqueren e tanti altri, gli autori che hanno catturato volti noti (come la Regina Elidabetta o James Dean) e meno noti. Sono trentacinque gli scatti di fotografi celebri che mostrano la loro personale visione della pioggia, un meccanismo eccezionale dalla fragilità estrema, derivante dalla trasformazione dell’acqua da salata in dolce, il cui ruolo cambia a seconda dei punti del pianeta. Desiderata o temuta, resta un evento dall’importante impatto all’interno delle metropoli, ed è proprio sulla sensibilizzazione riguardo la rilevanza dei lavori di impermeabilizzazione che l’organizzatore intende attirare l’attenzione del gran pubblico:

L’atteggiamento nei confronti della pioggia cambia a seconda delle culture e delle regioni del mondo. In Europa ha una connotazione triste e negativa, anche si gli si attribuiscono spesso dei valori estetici. Nelle regioni desertiche la pioggia è considerata una benedizione, attesa e accolta con euforia, assume un ruolo fondamentale apportando l’acqua per irrigare le colture. Così come gli Indiani attendono ogni anno i monsoni, dai quali dipende la qualità delle messi, ma che può anche causare inondazioni importanti.

Immagini da flickr.com

Ciel il pleut!Ciel il pleut!Ciel il pleut!Ciel il pleut!Ciel il pleut!Ciel il pleut!Ciel il pleut!Ciel il pleut!

Via | siaap.fr

Vota l'articolo:
3.84 su 5.00 basato su 19 voti.