Dominika Gesicka: This is not real life

Nella città più settentrionale del mondo e ai confini della vita reale, Dominika Gesicka fotografa il luogo dove "nessuno nasce e nessuno muore", tra il sole di mezzanotte e la notte polare

Alle volte diventa arduo distinguere la vita reale da quella che somiglia alla sua antitesi, ma spingendosi nella città più settentrionale del mondo, la fotografa polacca Dominika Gesicka ne ha colto la dimensione più 'concretamente' surreale, puntando l'obiettivo dove "nessuno nasce e nessuno muore", tra il sole di mezzanotte e la notte polare.

A circa 966 chilometri dal Polo Nord, nella città norvegese di Longyearbyen e la più popolosa dell'arcipelago artico delle Isole Svalbard, noto per le sue vedute dell'aurora boreale, Gesicka ha fotografato l'atmosfera rischiosamente avventurosa che spinge uomini e donne di ogni nazionalità a visitare questo centro amministrativo provvisto di un aeroporto internazionale, scuole e svariate infrastrutture turistiche, anche un circo, ma niente gatti, alberi o semafori, con condizioni climatiche tanto rigide da impedire a chiunque di nascere e morire.

La mancanza di assistenza sanitaria adeguata costringe le donne incinte a tornare sulla terraferma per partorire, stessa cosa per le persone più anziane, mentre un'ordinanza vieta la sepoltura, visto che il congelamento ferma la decomposizione a temperature sotto zero, dal ritrovamento di virus "ancora attivi" nei corpi riesumati a distanza di anni delle vittime della grande epidemia del 1917-20.

Un luogo reale dove imbattersi nella natura più incontaminata ed esplorare i confini di quella umana, pronta a spogliarsi del consueto, insieme a vestiti, timori e tremori, lungo strade deserte, paesaggi innevati e orizzonti infiniti.

Un post condiviso da Mother F Stop (@motherfstop) in data:


"Although it is difficult to regard it the best place to live, many people fall in love with it at first sight. Some people came here just for two weeks and stayed for five years or more, but not many decide to settle down here permanently. Sometimes you have an impression that people here are trying to escape from something; that this is just a retreat. This is not a real life."

Dominika Gesicka

Un luogo ai confini del mondo e del nostro modo di edificare il reale, dove molti arrivano per settimane e finiscono per rimanere per anni, ma tutti sembrano di passaggio, in fuga o alla ricerca di qualcosa. Il luogo dove Dominika Gesicka ha scovato ombre e luci del progetto in progress "This is not real life", finanziato anche grazie all'Ideas Tap & Magnum Photos grant ricevuto nel 2015

Il progetto realizzato con una Mamiya 7, lunghe attese, lampi di colore ed effetti prodotti durante le riprese, è stato premiato con il Grand Prix Fotofestiwal al Fotofestival di Łodź (2017) e, dopo essere stato esposto al Photomonth di Cracovia, al Fotograf Festival di Praga, l'Encontros da Imagem di Braga e il Photomonth di Bratyslava, arriva anche in Italia insieme ai protagonisti di Emerging Talents, la quarta edizione del Festival di Fotografia Emergente dedicato a «Passato, Presente, Futuro», esposto nello Spazio Factory del MACRO Testaccio di Roma, fino al 17 dicembre 2017

Emerging Talents 2017
Festival di Fotografia Emergente
2 - 17 dicembre 2017
Spazio Factory MACRO Testaccio
Piazza Orazio Giustiniani, 4
Roma

Foto | This Is Not Real Life, Dominika Gesicka / Emerging Talents 2017 allo Spazio Factory del Macro Testaccio di Roma (by cut-tv's)

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 24 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO