Fujifilm GFX 100: recap ed informazioni aggiuntive

Eccoci nuovamente a parlare della GFX 100, medium format che si propone come pietra miliare nella sua categoria, introducendo delle novità che la rendono più simile ad una full frame di fascia alta. Grazie al nostro Luca Bracali abbiamo potuto vederla da vicino al GPP di Dubai.

Innanzitutto il formato GFX misura 44x33mm: è più piccolo del formato 120 ma sufficientemente grande da ospitare elevatissime risoluzioni senza ridurre troppo la dimensione dei pixel. E' dunque possibile sviluppare sensori con risoluzioni da 50 a 100 megapixel senza incorrere nel rumore. Un sensore grande e denso resta comunque piuttosto difficile da gestire dal punto di vista elettronico: la lentezza operativa è sempre stata una caratteristica che ha accompagnato il medio formato digitale, relegandolo a "macchina da studio" o da landscape. Negli ultimi anni Fuji ha deciso di sovvertire questa situazione, puntando sullo sviluppo del formato GFX per renderlo più fruibile anche in altre situazioni, a tal punto da considerarlo "il suo full frame". GFX 50R si presenta come prima medio formato rangefinder, con un corpo macchina che (sempre in proporzione alla misura del sensore) richiama il layout di una X-Pro2.

La GFX100, presentata come concept camera al Photokina 2018, ha subito fatto parlare di sé: non solo per i suoi 100 megapixel. Se infatti la GFX 50R è una "super X-Pro2", potremmo considerare la GFX100 come una "super X-H1", con la quale condivide la stabilizzazione sul sensore (sembra sia possibile scattare a frazioni di secondo con il GF45mm f/2.8). Ammiraglia indiscussa dunque, che in mano sta come una Nikon D5 o una EOS 1DX mark II. A questo si aggiunge un ottimo comparto video, altra caratteristica che per la prima volta troviamo in una medio formato: si può riprendere in 4K a 30 fotogrammi al secondo in 4:2:0 in camera e 4:2:2 via HDMI; il corpo macchina è inoltre equipaggiato di jack per microfono e cuffie. Il grip secondario, integrato con la camera e dotato di doppi controlli, ospita due batterie NP-T125; sul fianco invece troviamo lo sportellino in cui alloggia un doppio slot SD. Non si esclude comunque che da qui al lancio sul mercato possa comparire uno slot per card XQD.

Siamo dunque di fronte ad una fotocamera che porta molto in avanti l'evoluzione di Fujifilm e del medio formato che, come ci ha detto anche Toshihisa Iida, nell'era delle mirrorless non trova alcun tipo di ostacolo fisico e meccanico. La GFX 100 uscirà entro la prima metà dell'anno, ad un prezzo di 10 mila euro.

 

Altri articoli sulle Fuji GFX


  • shares
  • +1
  • Mail