Canon EOS 250D: una piccola belva

Della nuova piccola reflex avevamo parlato proprio negli ultimissimi giorni. L'erede della 200D si presenta al pubblico con un sensore da 24,1 MP, che associato al nuovo processore DIGIC 8 permette di accedere a nuove possibilità. Compare infatti il video in 4K a 24/25 fotogrammi al secondo (con crop) e si aggiungono features come il rilevamento degli occhi in live view, la priorità sulle tonalità chiare ed il Digital Lens Optimizer, oltre al time lapse in 4K ed alla di cattura di fotogrammi durante la registrazione video.

Questa fotocamera, utile e divertente, incarna tutta la filosofia Canon anche nel display orientabile da 3'', dotato di touch screen e risoluzione di 1,04 milioni di punti: indispensabile per navigare nel menu, studiato per offrire a giovani e principianti un aiuto nella scelta delle impostazioni. Allo stesso tempo, però, essendo questa una reflex, è anche possibile mantenere un approccio tradizionale con la fotografia grazie al mirino ottico dotato di 9 punti di messa a fuoco.

La Canon 250D è molto connessa: offre il pieno supporto per l'app Canon Camera Connect, accessibile via Bluetooth e Wi-Fi per trasferire automaticamente i file appena scattati sui dispositivi Android ed iOs. Il tutto è racchiuso in un corpo macchina contenuto nelle dimensioni e nel peso, che ne fa la reflex più compatta e leggera attualmente prodotta: pur mantenendo misure simili a quelle della 200D, riesce a perdere ancora un po' di peso, fermandosi a 449g contro i 453 del precedente modello. Già ordinabile ad un prezzo di 649 euro, inizierà ad arrivare a partire dal 25 aprile.

  • shares
  • Mail