Casio Exilim EX-10, un nuovo concorrente nel settore delle compatte evolute

La Casio Exilim EX-10 è una compatta evoluta con ottica luminosa, monitor basculante per gli autoscatti ed anche la possibilità di salvare in formato RAW

Casio Exilim EX-10

Il settore della cosiddette compatte evolute è sempre stato appannaggio delle principali case produttrici, come ad esempio la Nikon con la sua P7700. Invece case produttrici come la Casio preferivano dedicarsi a compatte classiche, tutt'al più impreziosite dall'high speed, come nelle Casio Exilim ZR700 e ZR400, oppure dal design innovativo, come nella Casio Tryx.

Ora però la nuova Casio Exilim EX-10 si propone nel settore delle compatte evolute con tutte le carte in regola. Infatti abbiamo un sensore CMOS retroilluminato da 1/1.7" e 12 Megapixels, abbinato ad uno zoom 28-112mm equivalente con apertura f/1.8-2.5, apparentemente la stessa ottica utilizzata nella Pentax MX-1. Abbiamo poi un display da 3,5" e 921,600 pixels, orientabile verticalmente fino a 180°, quindi utile per gli autoscatti.

Non mancano le classiche modalità espositive PASM, abbinate all'importante possibilità di salvare in formato RAW. Particolarmente interessante poi la funzione di bracketing che in una raffica di nove scatti varia contemporaneamente due variabili, come ad esempio esposizione e bilanciamento del bianco. Non manca la stabilizzazione a livello di sensore, il Wi-Fi integrato, la livella elettronica su due assi ed anche il filtro ND.

Ma la vera chicca è la ghiera coassiale all'obiettivo che può controllare un parametro a scelta dell'utente, come ad esempio lo zoom oppure l'apertura del diaframma. Il tutto in circa 384grammi, grazie al corpo realizzato in robusto e leggero magnesio. Purtroppo al momento non si conosce né la data di commercializzazione né il prezzo di lancio della Casio Exilim EX-10.

Via | dpreview.com

Casio Exilim EX-10

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 3 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail