Logo Blogo

Tutti gli articoli con tag fotoritocco

PixBuilder Studio: fotoritocco gratuito

pubblicato da Gianluca Bocci

PixBuilder Studio

Ai tempi dell’analogico essere un bravo fotografo voleva dire saper usare non solo la fotocamera ma anche la camera oscura. Ai tempi del digitale il discorso non è cambiato di molto. Semplicemente alla camera oscura si è sostituita la cosiddetta camera chiara, ovvero il software di fotoritocco con il quale realizzare tramite un click del mouse quello che prima si realizzava fisicamente con le proprie mani. Quando si parla di fotoritocco si tende a pensare immediatamente ad Adobe Photoshop.

Ma se vogliamo risparmiare possiamo anche usare un software come PixBuilder Studio, offerto gratuitamente dalla software house WnSoft. Si tratta di un applicativo estremamente leggero (il file di installazione è di appen a 3MB) e quindi adatto all’uso su Personal Computer non particolarmente performati come magari un netbook. All’interno troviamo tutte le funzioni di uso più comune.

Quindi abbiamo i classici strumenti per ridimensionare, per correggere luminosità e contrasto, ma anche per lavorare con i livelli. Non mancano gli effetti, la gestione del testo e pure le trasformazioni. È possibile acquisire immagini da scanner ed importare e salvare nei formati più diffusi, incluso il PSD. Difficile domandare di più ad un software gratuito!

Via | WnSoft Ltd.

....
condividi 5 Commenti

La fotografia sportiva di Tim Tadder

pubblicato da Gianluca Bocci

Sfogliando una rivista sportiva è facile trovare delle foto di atleti ripresi in modo a dir poco spettacolare. Guardando queste immagini ci chiede però quanto ci sia di reale e quanto di ricreato artificialmente tramite fotoritocco. Infatti certe immagini sono talmente perfette in ogni dettaglio da far dubitare che siano nate da un unico scatto. D’altro canto non si deve cadere nell’errore di giudicare uno singolo elemento dell’immagine come un elemento artificiale.

Nel video infatti possiamo vedere cone il fotografo californiano Tim Tadder abbia realizzato l’immagine di un ballerino apparentemente colpito da del talco azzurro. In realtà il ballerino ed il talco sono stati ripresi in due momenti distinti. Ma è da notare con quanta attenzione sia stato effettuato anche lo scatto del talco in modo da simulare l’impatto con una figura umana: questo appunto per mantenere ad alti livelli il realismo dell’immagine.

Ovviamente alla fine entra in gioco l’abilità dell’utilizzo di Photoshop ed in particolare della sua ultima versione che agevola alcune operazioni come lo scontorno e la modellazione tridimensionale denominata “alterazione marionetta”. Tim Tadder è infatti un esperto dei prodotti Adobe ed è interessante visionare i suoi lavori visibili sul suo sito personale, tra l’altro realizzato con un’accattivante interfaccia “a cubetti”.

Via | Notizie Adobe

....
condividi 4 Commenti

Lakes & Reservoir: i paesaggi liquidi di Matthew Brandt

pubblicato da Cut-tv's

Lakes & Reservoir

Per vedere le cose in modo diverso, e magari scovare significati che possono anche sfuggire ad una ‘guardata ordinaria’, aiuta imparare ad osservarle in modo differente, qualche volta anche ricorrendo all’aiuto di qualche ‘trucco’.

Nel caso di Lakes and Reservoirs di Matthew Brandt, si tratta di ‘semplice’ acqua, prelevata dagli stessi laghi e bacini idrici che fotografa e stampa, lasciando poi le stampe immerse nell’acqua a macerare per giorni, settimane o mesi.

Come sentirci intrisi di qualcosa o ‘qualcuno’, anche solo della pioggia, altera la percezione che abbiamo di noi, dello spazio circostante e di tutto quello che lo abita, e il potere travolgente degli elementi lascia il segno, così le stampe fotografiche bagnate dal fotografo e artista californiano si trasformano in visioni liquide e arcobaleni emotivi davvero intriganti, che strizzano l’occhio alla tecnologia di stampa a colori.

Lakes & Reservoir
Lakes & Reservoir Lakes & Reservoir Lakes & Reservoir Lakes & Reservoir

Continua a leggere: Lakes & Reservoir: i paesaggi liquidi di Matthew Brandt

....
condividi 0 Commenti

Fotoritocco e dismorfofobia

pubblicato da Derfy


Poco tempo fa nell’Etica del Fotoritocco ci siamo interessati di un caso di una cantante finita in copertina con una foto decisamente migliore dell’originale grazia al frutto del lavoro di molti, dal fotografo al fotoritocco.

In quest’ultimo periodo, però, sembra che alcune persone si facciano fotoritoccare per apparire meglio nelle foto delle vacanze. La catena fotografica inglese Snappy Snaps ha dichiarato che questo tipo di richieste sta aumentando in maniera molto rapida.

Una sorta di chirurgia digitale che serve a mascherare i difetti che tutti hanno. Quest’ultima moda però sembra forse eccessiva perché potrebbe spingere i soggetti più deboli e con meno autostima verso il baratro della dismorfofobia. Cosa ne pensate?

Via | LaStampa

....
condividi 4 Commenti

Celebrities Upside Down, i ritratti al contrario

pubblicato da naomi

Ritratti contest Celebrities Upside Down

Sul sito Freaking News è stato indetto a maggio un concorso on line davvero curioso. Si tratta di Celebrities Upside Down, dove i partecipanti sono stati invitati a photoshoppare ritratti di celebrità in modo davvero bizzarro.

Bisognava in pratica rivoltare a testa in giù questi ritratti, lasciando però il volto “intatto”, nel verso giusto. I risultati li potete vedere tutti sul sito, e alcuni sono davvero molto divertenti.

Le partecipazioni al contest sono state numerose, tanto da far pervenire addirittura 216 immagini. Propongo qui di seguito una piccola galleria delle risultati del contest.

Via | design you trust

Ritratti contest Celebrities Upside Down

Ritratti contest Celebrities Upside Down Ritratti contest Celebrities Upside Down Ritratti contest Celebrities Upside Down Ritratti contest Celebrities Upside Down Ritratti contest Celebrities Upside Down Ritratti contest Celebrities Upside Down

....
condividi 0 Commenti

Anna Hurtig

pubblicato da naomi

Foto di Anna Hurtig

Anna Hurtig è una fotografa svedese, di Stoccolma per la precisione, la quale ha una forte e significativa predilezione per il bianco e nero e per un tema sicuramente a lei caro. Parlo dell’infanzia, la quale è una costante presente in tutti i suoi scatti in svariate forme, come la presenza di bambini e bambine, oppure di paesaggi sognanti che fanno parte del panorama infantile.

Sicuramente il ritocco digitale in post produzione le permette di accentuare questo aspetto, rendendo ogni situazione surreale e di forte effetto grafico. Nonostante questo anche in immagini più semplici e pure, si denota questo spirito sognante caratteristico del mondo infantile.

La fotografa sembra riuscire ad entrare nel mondo dei bambini, i quali volano con l’immaginazione entrando a far parte di una realtà surreale, magica e misteriosa. La sua unica serie presente sul sito e intitolata Imaginary Play è la prova che la fotografa sia riuscita nel suo intento. Se volete vedere altre sue immagini a tema, consiglio di andare su Fotoblur.

Via | le zebre bleu

Foto di Anna Hurtig

Foto di Anna Hurtig Foto di Anna Hurtig Foto di Anna Hurtig Foto di Anna Hurtig Foto di Anna HurtigFoto di Anna Hurtig

....
condividi 0 Commenti

Aurora, un nuovo software per fotoamatori da Lightcrafts

pubblicato da Bartolomeo

Lightcrafts Aurora

La software house Lightcrafts, già nota per il suo software per la gestione del workflow fotografico professionale LightZone, ha reso disponibile Aurora. Il nuovo programma aiuta il fotografo a gestire i suoi scatti dall’importazione delle fotografie sul computer alla pubblicazione, passando per il ritocco ed il backup.

Ciò che lo differenzia da altri software simili come LightZone stesso, Aperture e Lightroom è il pubblico amatoriale cui è rivolto. La sua interfaccia è stata estremamente semplificata, permettendo anche a chi non è esperto di ritoccare le proprie foto per migliorarle, grazie anche ad un ottimo sistema di anteprime degli effetti applicati.

Da segnalare anche la possibilità di effettuare il backup online delle proprie fotografie per meno di 5 dollari al mese utilizzando il servizio offerto da Amazon. Il software ha, inoltre, un sistema integrato di pubblicazione delle fotografie su diversi siti come Flickr e Facebook.

Continua a leggere: Aurora, un nuovo software per fotoamatori da Lightcrafts

....
condividi 0 Commenti

Flickr: Katherine Elizabeth

pubblicato da naomi

foto di Katherine Elizabeth  su flickr

Oggi ci occupiamo di una giovane utente Flickr americana, chiamata e conosciuta con il nome di Katherine Elizabeth. L’autoritratto è una costante della sua gallery, tuttavia il suo modo di “operare” sull’immagine è molto interessante e degno di nota.

Infatti, oltre ad fotografarsi in svariati luoghi, situazioni e pose, il suo lavoro viene arricchito successivamente da ritocchi in post produzione, pregni di un “sapore” sempre molto poetico e delicato.

La sua competenza tecnica si mescola perfettamente con quella estetica, e fa di ogni suo scatto una immagine piena di rimandi all’arte e alla grafica.

....
condividi 0 Commenti

Leningrado ieri e oggi di Sergey Larenkov

pubblicato da Cut-tv

Leningrado ieri e oggi_Sergei Larenkov_1

Attraversando oggi le strade di Leningrado si fa fatica ad immaginarle sotto assedio, a meno di averle percorse e vissute di persona durante la Seconda Guerra Mondiale. Ma ricordare e riflettere su certi accadimenti è sempre importante e l’esperimento fotografico di Sergey Larenkov ci mette davanti ad un prima e un dopo, che insieme assumono una valenza potente.

Ibridando le immagini del passato con quelle del presente, inserendo gli orrori e la distruzione della città dei primi anni quaranta nell’atmosfera metropolitana moderna, sovrapponendo la cronaca storica del bianco nero alla vivida attualità del colore, il fotografo russo ha creato un cortocircuito tra ieri e oggi, una sorta di spaccato temporale che pone l’oggi sotto una luce decisamente diversa.

Via | Englishrussia.com

Leningrado ieri e oggi
Leningrado ieri e oggi_Sergei Larenkov_1 Leningrado ieri e oggi_Sergei Larenkov_2 Leningrado ieri e oggi_Sergei Larenkov_3

....
condividi 0 Commenti

Creare foto tilt shift online con TiltShiftMaker

pubblicato da Bartolomeo

Tiltshiftmaker.com

In passato vi abbiamo parlato di come fare a ricreare delle fotografie tilt shift, trasformando immagini che ritraggono oggetti reali in miniature o modellini. Adesso è possibile evitare l’uso di Photoshop utilizzando il servizio web tiltshiftmaker.com.

Basta caricare la foto dal proprio computer o inserire un link ad un’immagine presente su internet, selezionare l’area da mettere a fuoco e guardare il risultato nell’anteprima. Quando siamo soddisfatti clicchiamo su Get Full Size per scaricare l’immagine finale. Esiste anche un gruppo su Flickr dedicato alle immagini create sul sito, dove potrete inserire anche la vostra.

Siamo ancora ben lontani dall’effetto ottenuto con obiettivi basculanti, ma è facile e divertente provare a trasformare le proprie foto in poco tempo.

....
condividi 2 Commenti