Logo Blogo

Tutti gli articoli con tag storia della fotografia

Phillips de Pury & Company: stima, prezzo e valore della fotografia da Alfred Stieglitz a Dorothea Lange

pubblicato da Cut-tv's

Aspettando la brezza di primavera con lo sguardo visionario di Alfred Stieglitz che precorreva i tempi all’inizio del secolo, consapevole della differenza tra prezzo e valore di ogni cosa, quanto delle logiche del mercato dell’arte, ne approfitto per dare una sbirciata alla Spring Photographs season del Phillips de Pury & Company, buon punto di osservazione per stimare il valore che siamo (i collezionisti, gli speculatori e chi può disporre di cifre del genere ovviamente) disposti ad accordare ad alcune immagini che hanno fatto la storia della fotografia.

Valore, stime e prezzi, che l’asta tenuta il prossimo 4 aprile nella Park Avenue newyorchese dal titolo eloquente, The Face of Modernism: A Private West Coast Collection, propone proprio con lotti del calibro di Georgia O’Keeffe ritratta da Stieglitz (1918), stimata qualcosa come $200-300mila, o il Portrait of a Woman (1916) di Edward Weston che arriva a ‘soli’ $80-120.000.

Nel link (da scaricare) trovate anche immagini e stime delle altre opere da battere all’asta: da La Bella (1904) fotografata da Edward Steichen che si aggira sui $60-80.000 al Tristan Tzara ritratto da Man Ray (1924) che arriva a $40-60.000.

Continua a leggere: Phillips de Pury & Company: stima, prezzo e valore della fotografia da Alfred Stieglitz a Dorothea Lange

....
condividi 0 Commenti

The Unseen Eye Photographs from the Unconscious: la collezione di anti-ritratti di W. M. Hunt

pubblicato da Cut-tv's

The Unseen Eye Photographs from the Unconscious by W.M. Hunt 2011- Aperture - Thames and Hudson

La storia della fotografia abbonda di anti-ritratti in grado di ‘fissare’ tutto quello che può registrare l’obiettivo quando l’occhio resta ben chiuso, rivolto altrove, in penombra, e The Eye Unseen - Photographs from the Unconscious raccoglie tutti quelli collezionati da W. M. Hunt (Bill Hunt), da sfogliare anche on line, con il contributo emotivo del collezionista newyorchese e l’introduzione di William A. Ewing. (nell’immagine le due cover delle edizioni Aperture e Thames & Hudson).

Una Alice Neel con gli occhi chiusi fotografata da Robert Mapplethorpe e il bambino cieco di Henri Cartier-Bresson in mostra con Immagini e Parole a Palazzo Incontro, Andy Warhol con lo sguardo coperto dagli occhiali da sole per l’obiettivo di Weegee, la donna con il volto celato da un sacchetto di carta (There’s a Girl Under There, 1967) scattata da Seymour Sheer, e quello velato (The Dream (Veiled Woman) di Imogen Cunningham.

Questo insieme al contributo di Clarence John Laughlin (The House of the Past, 1947 ), di Nadar, Brassaï, Walker Evans, Philip Jones Griffiths, Annie Leibovitz, Martin Parr e tante fotografie anonime, in una ricca collezione in mostra fino ad oggi alla Eastman House, da sbirciare nel video a seguire, con qualcosa in grande formato anche nella gallery condivisa da La Lettre de la Photographie e nell’intervista rilasciata da W. M. Hunt a At Length magazine.

Continua a leggere: The Unseen Eye Photographs from the Unconscious: la collezione di anti-ritratti di W. M. Hunt

....
condividi 0 Commenti

La storia della Fotografia a partire da "Le origini 1839–1890"

pubblicato da Cut-tv's

 View from the Window at Le Gras - Nicéphore Niépce

Tra gli scorci custoditi a Palazzo Incontro con la mostra romana di Henri Cartier-Bresson. Immagini e Parole c’è anche la Veduta dalla finestra di Le Gras (View from the Window at Le Gras), realizzata da Nicéphore Niépce nella natia Saint-Loup-de-Varennes nel 1826 (1927), con una camera oscura su un foglio di bitume delle dimensioni 20×25 cm, dopo un’esposizione di circa 8 ore.

Lo scatto (si fa per dire) considerato la più antica fotografia mai prodotta, ha risvegliato il naturale desiderio di rispolverare vecchie immagini di pionieri e quella intensa e avvincente storia della fotografia che ha ancora così tanto da svelare e insegnare.

A questo proposito tra le tante fonti e risorse alle quale ricorrere, arriva anche il nuovo progetto editoriale intrapreso da Unicredit/Skira che si propone di raccogliere tutto in quattro volumi, a partire da La Fotografia - Le origini 1839–1890 (vol. 1) coordinato e curato da Walter Guadagnini, per le 304 pagine dell’edizione (€ 60.00) italiana, inglese e tedesca che potete sbirciare nel promo in versione pdf o sfogliare on line.

La Fotografia - Le origini 1839 –1890 (vol. 1) Skira
La Fotografia - Le origini 1839–1890 (vol. 1) Skira_copertina 01 La Fotografia - Le origini 1839–1890 (vol. 1 Skira)_02 La Fotografia - Le origini 1839–1890 (vol. 1) Skira_03 La Fotografia - Le origini 1839–1890 (vol. 1) Skira_ pagine 04

Continua a leggere: La storia della Fotografia a partire da "Le origini 1839–1890"

....
condividi 3 Commenti

La fotografia in Italia. 1945-1975 Capolavori dalla collezione Morello al Forma di Milano

pubblicato da Cut-tv's

1945-1975 Capolavori dalla collezione Morello+1945-1975 Storia della fotografia in Italia di Paolo Morello

Se vi trovate a passare per Milano consiglio di non perdere lo scorcio di storia della fotografia italiana, esposto al Centro Internazionale di Fotografia FORMA con La fotografia in Italia. 1945-1975 Capolavori dalla collezione Morello.

Una carrellata di immagini portentose dalla collezione Morello, che restituiscono la storia della fotografia insieme a quella dell’Italia, dall’immediato secondo dopoguerra alla metà degli anni Settanta.

Un’Italia fotografata da Gianni Berengo Gardin, Carlo Bevilacqua, Paolo Bocci, Piergiorgio Branzi, Giuseppe Bruno, Alfredo Camisa, Calogero Cascio, Elisabetta Catalano, Carla Cerati …

La fotografia in Italia. 1945-1975 Capolavori dalla collezione Morello
Mario De Biasi, Piazza Duomo, 1951 Gianni Berengo Gardin, Toscana, 1965 Gianni Berengo Gardin, Il traghetto di san Tomà, 1959 c Branzi_Pasqua a Tricarico 1955

Continua a leggere: La fotografia in Italia. 1945-1975 Capolavori dalla collezione Morello al Forma di Milano

....
condividi 0 Commenti

La storia della fotografia

pubblicato da Derfy


Alcune ipotesi fanno risalire la tecnica fotografica ai tempi di Leonardo da Vinci.

Ma è dal XIX secolo che la fotografia ha iniziato a svilupparsi sul serio e proporci le basi per tutte le fotocamere che usiamo oggi. La storia della fotografia è un sito che si è posto lo scopo di mostrare al grande pubblico come si è evoluta la tecnica ed il linguaggio fotografico.

Il sito è realizzato con il contributo del fotografo e storico Aniceto Antilopi. Tutti gli articoli sono anche stati disposti lungo una linea temporale per migliorare l’accesso alle informazioni.

Via | LaStoriaDellaFotografia

....
condividi 0 Commenti

La prima foto del mondo ad un dipinto sconosciuto di Leonardo da Vinci?

pubblicato da Derfy

Secondo Roger Davies l’incisione Melencolia I dell’artista Albrecht Dürer sarebbe stata realizzata con tecnica fotografia da un dipinto di Leonardo da Vinci.

L’opera di Leonardo sarebbe andata persa e l’incisione di Durer ne rappresenterebbe solo una parte. Davies, grazie al suo lavoro che gli ha fornito una grande esperienza nel campo dell’ottica, dopo 3 anni di ricerche è arrivato a sostenere che l’incisione si il frutto di un procedimento fotografico.

Una lastra di rame foto sensibile sarebbe stata impressionata con l’opera vera e propria in una camera oscura. La motivazione alla base di tutto sarebbe l’impossibilità di ricreare con tale perfezione le linee senza un procedimento meccanico.

Se volete approfondire le ricerche di Davies potete consultare l’articolo originale apparso su AmateaurPhotographer, oppure scoperte analoghe per il Caravaggio e Lorenzo Lotto.

Via | AmateaurPhotographer

....
condividi 3 Commenti

Caravaggio il primo fotografo!

pubblicato da Derfy


Secondo Roberta Lapucci, capodipartimento del settore conservazione dell’Università americana Saci di Firenze, Caravaggio potrebbe essere considerato il primo fotografo ante litteram.

Dall’analisi dei dipinti e delle sostanze sono state trovate parecchie sostanze fotoluminescenti che il maestro utilizzava per tracciare le linee di base del dipinto. Secondo la ricostruzione il Caravaggio aveva trasformato il suo studio in una gigantesca camera oscura.

La luce filtrava da un buco nel soffitto che illuminava tutta la scena ed il soggetto. Il maestro era, invece, all’interno della vera camera oscura a cui la luce arrivava passando attraverso una serie di lenti.

Continua a leggere: Caravaggio il primo fotografo!

....
condividi 0 Commenti

8 momenti pionieristici della fotografia digitale

pubblicato da Derfy


La storia della fotografia digitale è un po’ meno nota di quella analogica.

1. Eugene F. Lally
Nel 1961 stufo di disegnare razzi o sistemi per renderli più veloci ebbe l’idea di dotarli di una fotocamera che inviasse immagini alla terra per rendere più semplice identificare la posizione degli astronauti.

In poche ore produsse i diagrammi di base per la costruzione della prima fotocamera digitale, ma era in anticipo di 14 anni e la tecnologia non era abbastanza sviluppata per realizzare la sua visione.

Continua a leggere: 8 momenti pionieristici della fotografia digitale

....
condividi 0 Commenti