Helmut Newton "nudo" al Kunstverein Apolda Avant-Garde

Quando si parla di nudo, esibito, provocante, algido, e così spudoratamente potente e celebrato da ridisegnare l’iconografica della realtà, insieme a quella della fotografia glamour, Helmut Newton rimane una delle icone incontrastate del genere, sia che lo consideriate un abile voyeur, o un grande maestro del nudo femminile (con eccezioni intriganti come Helmut Berger allo specchio).

In ogni caso un fotografo emblematico scomparso on the road, al quale il Kunstverein Apolda Avant-Garde ha dedicato la retrospettiva che sta facendo il giro del web e, in un arco temporale che va dal 1973 al 2002, spazia dalle Polaroid provenienti dalla collezione dello stilista Yves St. Laurent alle passeggiate sui tacchi, da pubi incorniciati a ritratti senza veli di intriganti sconosciute e grandi star del calibro di Charlotte Rampling, Monica Bellucci o Naomi Campbell.

75 immagini in grande formato, esposte fino al 27 marzo 2011, delle quali il primo video fornisce un assaggio, eloquente anche senza audio, se non masticate la lingua madre del fotografo, mentre quello a seguire spazia in una panoramica più ampia della produzione.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: