Alternating Weekends di Warren Harold

Alternating Weekends

Oggi per molti inizia il weekend, una pausa dal lavoro e dagli impegni del tram tram quotidiano (tran tran sarebbe in effetti la forma corretta per questa espressione, ma non ditelo al mio cervello 'errante' che ogni volta che la pensa sente sferragliare i tram), ma anche un momento da dedicare a se stessi e a tutto quello che abbiamo trascurato durante la settimana, e se sei reduce da separazioni anche quella famiglia che condividi con l’ex partner.

Io non so cosa significa essere figlio di una coppia divisa perché i miei hanno continuato a farsi la guerra senza mai lasciarsi, e forse anche per questo non saprò mai cosa significa essere un genitore divorziato, però tutti quelli che conosco e hanno sperimentato una delle due condizioni o entrambe, sembrano aver accusato il colpo, e spesso condiviso weekend e quotidianità a senso alternato.

Figlio di separati dall’età di sei anni, senza un rapporto con il padre, e genitore divorziato con figli, Warren Harold sembra il candidato ideale per esplorare consuetudini, sfumature e stati d’animo di questa particolare condizione degli affetti familiari, attraverso un progetto in progress dedicato proprio a questi Alternating Weekends, che condivide con un figlio nato dal suo precedente matrimonio.

Alternating Weekends
Alternating Weekends Alternating Weekends Alternating Weekends Alternating Weekends

Un weekend di circa 28 ore che Warren trascorre con il suo bambino che vive a 50 miglia di distanza, in un rapporto che cerca di recuperare quello padre-figlio che lui da figlio non ha mai avuto e suo figlio non deve assolutamente perdere, un rapporto tanto nuovo per entrambi da spingere l’uomo e il fotografo a documentarlo con questi scatti in bianco e nero, per coglierne e assaporarne dinamiche e peculiarità. In bocca al lupo Warren!

Alternating Weekends Alternating Weekends Alternating Weekends Alternating Weekends

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: