Terremoto in Giappone, fabbriche colpite


Il Giappone, una nazione che è stata colpita da un terremoto di terribile potenza e sventrata da uno tsunami spaventoso. Le stime ufficiali dei morti che inizialmente erano molto basse ora sono schizzate verso l'alto senza considerare i danni che hanno raso al suolo una parte del paese.

Proprio in questa parte del paese ci sono alcune delle fabbriche che producono fotocamere ed obiettivi che vengono poi esportati in tutto il mondo. Per ora sappiamo che una fabbrica di Nikon che è dedicata alla produzione di reflex non potrà riprendere a produrre per le prossime due settimane per colpa dei danni subiti nonostante la struttura abbia retto.

Anche per Canon sono state danneggiate alcune fabbriche. L'azienda ha pubblicato una tabella che riassume i danni e la situazione. Sempre nell'area colpita si trovano una fabbrica di sensori di Toshiba ed una di Panasonic. Sony ha evacuato 6 fabbriche che sono ubicate al nord.

Le scosse di assestamento non sono ancora terminate e con un terremoto iniziale con una potenza così devastante ogni nuovo evento sismico è un terremoto vero e proprio di una certa intensità. Tutti i piani che potevano esserci per uscite, novità o forniture avranno sicuramente dei ritardi nel breve periodo in attesa che in patria si ripristinino tutte le fabbriche e le infrastrutture del paese.

Via | ImageSensorsWorld

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: