Smithsonian, online l'archivio fotografico degli animali selvaggi


Seguire gli animali nel loro ambiente naturale può essere molto complicato, soprattutto se si tratta di specie piuttosto rare o magari molto sospettose che quindi fuggono facilmente.

Per riuscire ad immortalare questi animali allora si utilizzano delle trappole fotografiche, ovvero delle fotocamere posizionati in luoghi in cui si pensa passeranno gli animali e che scattano in maniera automatica al passaggio. Il fotografo dovrà solo scegliere il posto più adatto e poi tornare a raccogliere le foto scattate.

Lo Smithsonian ha pubblicato online più di 202.000 immagini di animali selvaggi catturate nel corso di sette progetti da fotografi e ricercatori. Tutti noi ora possiamo vedere accedere alle stesse immagini che gli scienziati utilizzano nelle loro ricerche dal giaguaro del Perù, che vedete in copertina, al Panda gigante della Cina.

Se è vero che tutte le foto sono scientificamente ed etologicamente rilevanti non è detto che siano tutte esteticamente apprezzabili, ma in mezzo a tanta varietà è possibile trovare scatti interessanti nonostante siano realizzati attraverso procedure automatizzate.

Via | NewsDesk

  • shares
  • Mail