Fotogiornalismo con una compatta


Zoriah
è un fotogiornalista molto famoso ed indipendente che gira ogni angolo del mondo per documentare la realtà. Recentemente ha pubblicato un articolo molto interessante in cui spiega che il suo intero portfolio è stato realizzato per metà con una fotocamera che ora costa circa 200$, mentre l'altra con una reflex molto costosa, quanto un'auto. La vera parte succosa è dove spiega che non è il mezzo più o meno tecnologico a fare buone foto, ma il soggetto e le emozioni suscitate dello scatto.

Per dimostrarlo ha scelto di comprare una compatta usata per 70$ (nuova sarebbe costata 150$) e l'ha portata con sé nel suo ultimo viaggio in Africa dove ha indagato nel mondo della povertà più assoluta e dove anche i bambini sono schiavi della droga e si vendono per pochi spiccioli.

Per questo motivo ha deciso di pubblicare prossimamente un resoconto del suo viaggio con questo modello di fascia medio-bassa. Nel frattempo potreste cercare di capire quali immagini del suo portfolio sono stati scattati con un'ammiraglia e quali con un modello entry-level. Non si tratta di un'impresa molto semplice, ma l'unica cosa vera che conta è fare foto e non con quale mezzo le si esegue.

Via | Zoriah

  • shares
  • Mail
20 commenti Aggiorna
Ordina: