FotoLeggendo 2014: i concorsi che aspettano mostre e letture del portfolio

I concorsi che aspettano la decima edizione di FotoLeggendo, con il suo programma di mostre, incontri, presentazioni editoriali e letture del portfolio.

La X edizione di FotoLeggendo gioca d'anticipo, inaugurando il 5 giugno 2014 con una mostra presso le Officine Fotografiche Roma (via Libetta, 1), come è accaduto nell'autunno 2013 per il suggestivo allestimento della Yakuza di Anton Kusters.

Un anticipo 'estivo' che la rassegna annuale organizzata e prodotta da Officine Fotografiche Roma, proseguirà negli spazi dell’I.S.A – Istituto Superiore Antincendio di Roma (Via del Commercio, 13) e del circuito off di gallerie e associazioni culturali della capitale, con mostre, incontri, presentazioni editoriali e le bramate letture del portfolio, con photoeditors, curatori e critici delle più importanti testate nazionali e internazionali.

C'è ancora tempo per il programma definitivo della rassegna che traccia i confini della fotografia contemporanea, mentre si riduce quello a disposizione di fotografi o aspiranti tali, interessati ad approfittare dell'occasione offerta dalla nuova edizione del Premio Giovanni Tabò, dedicato sin dal 2009 alla memoria dell’appassionato fotografo e organizzatore di FotoLeggendo, scomparso prematuramente all’età di soli quarantaquattro anni, e per questo riservato ad ogni genere di fotografo, professionista o amatoriale, che non abbia superato i 44 anni di età.

They are among us, Rome, Lazio, Taly, July 2013. ### Sono tar no

Un concorso riservato al portfolio, presentato dalle Associazioni Culturali Officine Fotografiche Roma e Controchiave, in linea con il Premio FotoLeggendo, inserito nel Circuito Nazionale “Portfolio Italia” organizzato dalla Federazione Italiana Associazioni Fotografiche (FIAF).

Per partecipare alla selezione bisogna inviare all’Associazione Culturale Officine Fotografiche Roma un solo portfolio (su supporto informatico) di massimo 15 file jpeg a bassa risoluzione (lato lungo 1200/1400 pixel), entro e non oltre domenica 30 aprile 2014 (fa fede il timbro postale).

Tra tutti i contributi pervenuti, sarà poi la commissione di selezione a scegliere i due destinatari del primo e secondo Premio Giovanni Tabò, che esporranno alla X edizione del Premio FotoLeggendo. In ogni caso sul sito della rassegna potete scaricare il regolamento ed il bando del concorso.

Il gemellaggio di Fotoleggendo con il Festival Les Boutographies – Rencontres photographiques de Montpellier, continua ad assicurare lo scambio di mostre tra le due manifestazioni, e quella per l'edizione successiva scelta ogni anno durante le giornate inaugurali.

Nel 2013 la commissione del Festival di Montpellier composta da Peter Vass e Christian Macotta, ha scelto “Un giardino su misura” (A Garden Bespoke) di Giuseppe Moccia, a cura di Annalisa D’Angelo

“queste immagini sono forti perché portano questo contenuto di disordine e caos imminente e allo stesso tempo una vitalità, un ottimismo, una bellezza che resiste negli interstizi della città”.

Un progetto esposto alla 14a edizione di les Boutographies – rencontres photographiques de Montpellier, dal 17 maggio al 1° giugno 2014.

Fotoleggendo 2014 si apre all'editoria indipendente e al circuito dell'International Photobook dummy award 2014 del FotoBookFestival di Kassel, ospitando la seconda tappa della mostra itinerante dei lavori, selezionati nell'ambito del concorso indetto dal famoso festival tedesco, che passa per Atene (Athens Photo Festival), Colonia (The PhotoBookMuseum), Dublino (PhotoIreland), Madrid (IED), Oslo (Photobook Seminario), Parigi (Le Bal), Paraty (Paraty em Foco) e São Paulo ( Madalena Workshop).

Se tenete nel cassetto un libro fotografico che aspetta di essere pubblicato è l'occasione buona di tirarlo fuori per partecipare, spedendolo entro il 15 maggio 2014, ma anche in questo caso sul sito del concorso trovate termini e condizioni. Per tutto il resto potete seguite i nostri aggiornamenti e quelli condivisi dai canali social di FotoLeggendo.

FotoLeggendo è a cura di Tiziana Faraoni (Resp. Photoeditor de L’Espresso), affiancata da un Comitato Scientifico composto da Annalisa D’Angelo (curatrice), Emilio D’Itri (Direttore Officine Fotografiche Roma), Lina Pallotta (docente e fotografa), Marco Pinna (photoeditor National Geographic Italia) e Alberto Placidoli (rappresentante FIAF).

  • shares
  • Mail