Il futuro cambiera i rapporti di forza fra i produttori?


Sono più di 10 anni che ci sono telefonini dotati di fotocamera e da ancora più tempo che si vedono fotocamere digitali che hanno soppiantato completamente quelle analogiche.

Da allora le cose non sono molto cambiate. Le fotocamera tradizionali, reflex e compatte, hanno migliorato le loro prestazioni così come i cellulari, ma i pro e contro dei due diversi sistemi restano sempre inalterati. Chi vuole la comodità di comunicare con tutti agevolmente a scapito della qualità finale sceglie il cellulare, mentre chi non vuole cedere sulla nitidezza dell'immagine sceglie le fotocamere, reflex o meno.

Oggi non si entra più nel mercato della fotografia comprando una compattina, ma con un cellulare e ci sono milioni di ragazzi che utilizzano questi strumenti ogni giorno. Ragazzi che sono abituati, più che altre fasce della popolazione, a comunicare sfruttando le tante applicazioni disponibili negli smartphone.

Quali sono i produttori ad essere presenti in entrambi i mercati? Samsung e Sony. Probabilmente in futuro potranno sfruttare gli attuali utenti per veicolarli verso i loro sistemi di compatte, evil o reflex (nel caso di Sony). Proprio per questo motivo i rapporti di forza da parte dei produttori potrebbero cambiare avvantaggiando questi ultimi.

Non finisce qui. Se aziende come Apple, Nokia, Rim o qualsiasi altra sfruttando Android dovessero buttarsi sul mercato con una fotocamera dotata di App probabilmente riuscirebbero a rosicchiare una bella fetta del mercato moderno. Una piccola rivoluzione come quella che ha portato Apple all'introduzione del primo iPhone.

Canon e Nikon sono i leader indiscussi in tutti i mercati, ma continueranno a stare a guardare dalla finestra cullandosi dei loro successi passati o si metteranno a spingere sull'acceleratore per lasciare la concorrenza nella polvere?

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: