Fotografia Europea 2014 a Reggio Emilia: tante foto, tanta gente, tanto tutto

Il mio resoconto delle giornate inaugurali di Fotografia Europea 2014 a Reggio Emilia

a:2:{s:5:"pages";a:5:{i:1;s:0:"";i:2;s:9:"Le mostre";i:3;s:9:"La città";i:4;s:8:"La gente";i:5;s:15:"Non finisce qui";}s:7:"content";a:5:{i:1;s:1742:"

Durante l'anno nel nostro Belpaese ci sono centinaia di festival dedicati alla fotografia. Ho avuto l'occasione di partecipare a numerosi di questi festival, spesso anche con ruoli attivi come nel caso del SI Fest a Savignano sul Rubicone oppure di Anotherview a Tolentino. Ma tutti i festival a cui ho partecipato messi insieme non raggiungono neanche lontanamente la quantità di immagine e di autori coinvolti in Fotografia Europea 2014 a Reggio Emilia.

Tutte le notizie su mostre e gallerie da visitare

Fotografia Europea 2014 a Reggio Emilia

Come asserito da molti professionisti come Claudio Marcozzi, uno dei tanti giornalisti presenti come me a Reggio Emilia durante le giornate inaugurali del 2-4 Maggio, Fotografia Europea è probabilmente il festival più importante in Italia e tranquillamente confrontabile con festival europei del calibro degli Incontri Internazionali della fotografia ad Arles.

Un risultato raggiunto grazie a tanti anni di esperienza: Fotografia Europea 2014 è infatti la nona edizione e l'organizzazione è ormai ben collaudata in ogni suo aspetto.

";i:2;s:1647:"

Le mostre

Fotografia Europea 2014 a Reggio Emilia

Tante mostre. Dieci quelle ufficiali, distribuite in altrettanti punti diversi della città. Munitevi di scarpe comode: vi serviranno. Anche perché alcune mostre sono spesso davvero ricche. Prendiamo ad esempio quella di Luigi Ghirri ai Chiostri di San Pietro. Sono esposte ben 300 immagini nella sua retrospettiva intitolata "Pensare per immagini". Unico appunto a questa mostra è la scarsa presenza di testi abbinati alle immagini. Io ho conosciuto Luigi Ghirri come autore del libro Lezioni di fotografia ed avrei visto bene alcuni stralci dei suoi appunti abbinati alle immagini della sua retrospettiva.

Ci sono però anche alcune mostre meno convincenti. Come "Un secolo di grande fotografia" alla Fondazione Palazzo Magnani. Ci sono anche lì centinaia di foto ma di centinaia di autori. Il che si traduce in massimo due opere per ogni autore. Si posso vedere le foto di Nadar e di Man Ray, ma la sensazione complessiva è di un riassunto: non si riesce ad apprezzare adeguatamente nessuno degli autori esposti.

Ma vi ho parlato solo di due mostre. Quelle ufficiali poi. Di mostre ce ne sono a decine. Letteralmente in ogni angolo di Reggio Emilia.

";i:3;s:1317:"

La città

Fotografia Europea 2014 a Reggio Emilia

Reggio Emilia è Fotografia Europea. Dall'amministrazione comunale all'ultimo dei cittadini, tutti sono attivamente coinvolti nel trasformare la città in un caleidoscopio di iniziative legate alla fotografia. Ogni negozio ha almeno esposto il logo di Fotografia Europea. Un negozio su tre ha in vetrina almeno una foto oppure una fotocamera. Un negozio su cinque mette al suo interno in esposizione delle foto. Ho visitato una casa, solitamente sede dello studio privato di due fotografi, trasformata in un'enorme sede espositiva.

Ho potuto così vedere fotografie esposte dentro le stesse camere oscure dove vengono stampate oppure ho avuto la possibilità di entrare nelle stanze dove artisti creano le loro opere, stanze spesso con arredi tra il bizzarro ed il geniale. Di notte poi tutto questo si amplifica. Mi è successo di essere invitato ad entrare a vedere alcune foto in un locale di una manciata di metri quadri, mentre gli autori erano seduti al centro della stanza a mangiarsi una pizza al volo.

Ed una delle cose più belle di Fotografia Europea è proprio la gente.

";i:4;s:1517:"

La gente

Fotografia Europea 2014 a Reggio Emilia

Girare per le strade di Reggio Emilia durante Fotografia Europea ti sorprende in continuazione. Ti può capitare di imbatterti in set fotografici improvvisati, così come ti può capitare di incontrare Denis Curti, direttore della sede milanese di Contrasto e vicepresidente della Fondazione Forma, mentre visita la mostra Framed organizzata da Chico De Luigi.

Girando per le varie sedi espositive la situazione non cambia. Anzi, mi è successo di imbattermi in Fulvio Merlak, Direttore del Centro Italiano della Fotografia d’Autore di Bibbiena e del Dipartimento Manifestazioni FIAF, impegnato nelle letture portfolio alla Biblioteca Panizzi. Oppure di rendermi conto che un simpatico signore con la barba era in realtà Abbas Attar, il famoso fotografo iraniano dell'agenzia Magnum.

Ma la cosa più bella era incontrare tanti amici e colleghi. Tutti appassionati di fotografia, con i quali scambiare opinioni ed idee. Magari anche davanti ad una pizza. Magari anche al concerto dei Marta sui tubi. Sapete poi dov'è il bello? Non finisce qui.

";i:5;s:699:"

Non finisce qui

Fotografia Europea 2014 a Reggio Emilia

Fotografia Europea non è un festival di tre giorni. È iniziato il 2 Maggio ma prosegue fino al 15 Giugno. Le tante mostre sono quindi aperte e pronte per essere visitate. Non perdetevele. E non perdetevi Fotografia Europea 2015. Ne vale la pena. Indubbiamente.

Fotografia Europea 2014 a Reggio Emilia

";}}

  • shares
  • Mail