Come convertire una vecchia reflex in un proiettore per fondali

priettore gobo canon t70

Nella fotografia in sala posa è importante gestire quanto si trova dietro al soggetto, ovvero lo sfondo. Si possono usare fondali colorati, di carta, di tessuto oppure per i più fortunati anche in muratura. Però avere un fondale con una colorazione uniforme rende le immagini a volte eccessivamente piatte. L'ideale sarebbe vivacizzarlo con un'illuminazione dedicata ad esso, magari che crei delle forme.

Per questo scopo si utilizzano i proiettori di mascherine, in gergo "gobo" (deriva da "GOes Before Optics", ovvero "va posizionato prima dell'0ttica"). Sono prodotti specifici e pertanto abbastanza costosi. Possiamo ovviamente darci da fare con il fai da te seguendo l'esempio del fotografo inglese Richard C Hill, che ha fatto a pezzi una vecchia Canon T70 per trasformarla in un proiettore di mascherine.

Richard ha rimosso le tendine della reflex (fate attenzione che smontare è facile ma rimontare è tremendamente difficile), ha stampato su un lucido da proiezione una griglia e l'ha fissata con del nastro adesivo al posto delle tendine. Ha poi collocato la testa di un flash a ridosso del lucido fissandolo con degli elastici. Mettendo a fuoco la fotocamera sullo sfondo ha ottenuta così l'effetto di una luce che arriva attraverso una grata.

Via | DIY Photography

Un proiettore GOBO fai da te
Un proiettore GOBO fai da te
Un proiettore GOBO fai da te
Un proiettore GOBO fai da te
Un proiettore GOBO fai da te
Un proiettore GOBO fai da te

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: