Instagram censurato in Iran

Il tribunale iraniano ha ordinato al ministero dell'Interno di Teheran di bloccare Instagram


Ai tempi dei social network, di internet e dei cellulari di nuova generazione, riuscire a definire il concetto di privacy è abbastanza complicato e, ancor di più, lo è riuscire a contenere il flusso di immagini e di informazioni che questi veicolano. Ci sono Paesi, come il nostro, in cui si è liberi di scattare le foto, pubblicarle, condividerle, modificarle, siamo liberi di usare Twitter, Instagram, Facebook, le app di messaggistica istantanea e tutto quello che vogliamo. Ci sono Paesi in cui tutto questo è fuori legge e siti, app e servizi vengono oscurati o bloccati. Proprio ieri in Iran è stato bloccato Instagram: le persone non possono più utilizzarlo!

Facebook cambia la privacy di default dei post da pubblici ad amici

Un tribunale iraniano ha ordinato al ministero dell'Interno di Teheran di bloccare Instagram, il motivo è tanto semplice, quanto assurdo: l’app di Mark Zuckerberg ha violato le disposizioni sulla privacy in vigore nella Repubblica islamica. La notizia è stata battuta dall'agenzia di stampa Mehr e in queste ore sta facendo il giro del mondo.

noinstagram

Instagram è una delle app per smartphone più popolari e amate in tutto il mondo, ci permette di condividere le fotografie e di raccontare il nostro mondo in modo easy e immediato. Instagram comunque è solo l’ultima vittima della censura iraniana che ha già colpito YouTube, Twitter, Facebook e ancora Viber, WeChat e Whatsapp. A livello legale le persone non possono usufruire dei servizi offerti da questi siti e dalle applicazioni, tuttavia ci sono dei filtri per bloccare la censura e continuare ad usarli, anche se stiamo parlando di cose fuori legge.

Segui la rubrica di Clickblog sulle foto Instagram della settimana

In Iran c’è un braccio di ferro abbastanza grave tra il governo liberale, o quanto meno moderato, di Hassan e la magistratura, che invece è ancora ancorata a vecchi preconcetti che vanno in netto contrasto con le nuove tecnologie.

Foto | petapixel
Fonte | adnkronos

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail