Un mondo in tumulto negli scatti di protesta

BigPicture_Michal Cizek-AFP-Getty Images

Come la signora di questa fotografia (Michal Cizek/AFP/Getty Images) guarda dalla finestra la polizia c(i)eca di Varnsdorf, intenta a contenere la protesta di cittadini esasperati contro i Rom, oggi mi affaccio sulle proteste che stanno ‘agitando’ il mondo, sintetizzate da ogni singola foto nella gallery messa insieme dal Big Picture.

Le fotografie di un mondo in tumulto, e il modo di guardare a tante forme di protesta, da una finestra all'asfalto, dagli attivisti che occupano per una settimana il distretto finanziario di Wall Street responsabile della disuguaglianza sociale americana, alle 594 scope sollevate sulla sabbia brasiliana contro la corruzione nella spiaggia di Copacabana di Rio de Janeiro.

Da Bogota, con allievi e insegnanti che marciano (anche nudi e in pantofole) contro la riforma delle università pubbliche, alla Berlino in maschera per difendere la privacy dei dati digitali, dai rifugiati che chiedono di essere riconosciuti come tali in svizzera, ai dimostranti greci di ogni età che protestano contro l’austerity.

Ogni foto una finestra aperta sul mondo, lo scatto di una forma di protesta, magari anche uno scatto di protesta, in ogni caso un punto di vista tra i tanti possibili, che mostra, racconta, (influenza?), fa riflettere, anche sul ruolo che la fotografia e tanti reportage esercitano sulle nostre coscienze.

Foto | The Big Picture

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: