Eyes Wide Open. Stanley Kubrick as Photographer: oltre 27 mila scatti al Kunstforum di Vienna

Ad occhi spalancati sulla realtà fotografata dal giovanissimo Stanley Kubrick per il Look Magazine dal 1945 al 1950, e i 27 mila scatti in mostra al Kunstforum di Vienna.

Più di 27 mila frammenti di esistenze, scorci, sfumature e contraddizioni dell'America, fotografata (dal 1945 al 1950) dal giovane reporter della rivista americana Look, con lo guardo attratto dalle attese di giovani lustrascarpe, l'intimità di abbracci rubati al quotidiano, voli che liberano lo sguardo urbano e pois che ballano sull’asfalto.

Stanley Kubrick - New York Subway – Young lovers, 1947 Courtesy Museum of the City of New York, Geschenk von Cowles Communications, Inc. © SK Film Archives, LLC

Stanley Kubrick for LOOK Magazine

Immagini dal grande potenziale narrativo che fendono l'oscurità di un pugile come Rocky Graziano, quanto l'intimità di una Showgirl al cospetto del proprio doppio (spiato e sviscerato dal doppio sguardo del fotografo), anticipando lo sguardo di uno dei più audaci e geniali cineasti del XX secolo, fedele e sensibile all'obiettivo della macchina fotografica sin dalla tenera età.

Fear and Desire - Paura e desiderio: l'esordio inedito di Stanley Kubrick al cinema

Il Kubrick capace di condurci lungo il corridoio dell’astronave e alle vette di 2001: Odissea nello spazio (2001: A Space Odyssey), quello morbosamente sinistro dell’Overlook Hotel e del labirinto di Shining, lungo il tunnel attraversato dai Drughi e nel Korova Milk Bar di Arancia meccanica (A Clockwork Orange) o negli spazi ristretti di Full Metal Jacket, con quel punto di fuga offerto allo spettatore insieme ad atmosfere inquietanti e suggestive, protagonista del supercut "Kubrick: One-Point Perspective" di Kogonada, dedicato alle prospettive centrali e le simmetriche che accomunano i cult del maestro cinematografico.

Stanley Kubrick e la sua prospettiva ad un punto

Il viaggio che percorre strade, entra in stazioni ferroviarie e mattatoi, con bambini, pugili e folle, che dopo tutto somigliano a quelli che anni dopo abbiamo amato e temuto nelle pellicole del regista.

Stanley Kubrick - Paddy Wagon – Gun used in the television show Paddy Wagon, 1948 Courtesy Museum of the City of New York, Geschenk von Cowles Communications, Inc. © SK Film Archives, LLC

Più di 27.000 negativi ancora in gran parte sconosciuti, custoditi dal Museum of the City of New York e dalla Library of Congress di Washington, che abbiamo un parte già visto e restano in mostra con Eyes Wide Open. Stanley Kubrick as Photographer, a cura di Lisa Ortner-Kreil, al Bank Austria Kunstforum di Vienna, sino al 13 luglio 2014.

Stanley Kubrick - Shoe Shine Boy – Mickey with pigeons, 1947 Courtesy Museum of the City of New York, Geschenk von Cowles Communications, Inc. © SK Film Archives, LLC

Un progetto curato dal Bank Austria Kunstforum Wien e il Museum of the City di New York, con la GAmm Giunti di Firenze, completato dalle 224 pagine del catalogo omonimo a cura di Ingried Brugger e Lisa Ortner Kreil, con le foto e i saggi di Ralf Michael Fischer, Anton Holzer, Wolfgang Lamprecht, Lisa Ortner Kreil, Veronika Rudorfer e un'intervista con Jan Harlan, a far luce sul linguaggio visivo di Kubrick e il legame tra la sua fotografia e cinematografia, insieme a quello del fotogiornalismo della fine degli anni 1940.


Foto | Eyes Wide Open. Stanley Kubrick as Photographer, Courtesy Kunstforum Wien

  • shares
  • Mail