"Spill" la marea nera nel Golfo del Messico fotografata da Daniel Beltrá

Spill Daniel Beltra?

La denuncia e difesa del fragile ecosistema che mettiamo continuamente a dura prova con la nostra cupidigia, ed un’irresponsabile mancanza di lungimiranza, è da anni nell’obiettivo di Daniel Beltrá, membro dell'International League of Conservation Photographers, e delle sue numerose spedizioni con Greenpeace.

Un obiettivo sensibile alle molteplici sfumature del nostro intervento sull’intero pianeta, capace di cogliere gli effetti della deforestazione di Amazzonia, Congo e Indonesia, quanto la spettacolare portata del Global Warming nei ghiacciai dell’Antartide, in Patagonia e nell’Oceano Indiano.

Spill fotografa la portata del nostro disastroso bisogno di oro nero, insieme agli effetti della marea nera che ha investito il Golfo del Messico dopo l’esplosione della Deepwater Horizon il 20 aprile 2010.

Spill Daniel Beltra?

Il risultato è una gallery di fotografie aeree sugli effetti devastanti e spettacolari della fuoruscita di petrolio dalla piattaforma petrolifera affondata, realizzate nel Golfo del Messico su incarico di Greenpeace, un Veolia Environment Wildlife Photographer of the Year, un grosso contributo alla conservazione degli equilibri già precari del nostro ecosistema, e una mostra itinerante, ospitata al momento alla Roca Gallery di Barcelona (nel primo video), e all’Aquarium of the Pacific di Long Beach.


  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: