Guido Harari - da De Andrè a Lou Reed, Il ritratto come incontro alla Triennale di Milano

Guido Harari parla di fotografia e musica, De Andrè, i PFM, Lou Reed e "Il ritratto come incontro" alle Lectio Magistralis di fotografia e dintorni dela Triennale di Milano.

"La Canzone di Marinella" non è nata per caso, semplicemente perché volevo raccontare una favola d'amore. E' tutto il contrario. E' la storia di una ragazza che a sedici anni ha perduto i genitori, una ragazza di campagna dalle parti di Asti. E' stata cacciata dagli zii e si è messa a battere lungo le sponde del Tanaro, e un giorno ha trovato uno che le ha portato via la borsetta dal braccio e l'ha buttata nel fiume. E non potendo fare niente per restituirle la vita, ho cercato di cambiarle la morte.» - Fabrizio De Andrè

Io adoro andare a caccia di storie che abitano l'ombra, come quelle che in questi giorni orbitano nell'impero dell'arte visiva ospitata dalla Triennale di Milano, con tutto quello che nei prossimi giorni accende i riflettori sulla fotografia, dalle grandi opere ed i progetti acquisiti in un decennio dal Museo di Fotografia Contemporanea (MuFoCo) di Cinisello Balsamo in mostra con sguardi e fotografi altrettanto prestigiosi, agli incontri delle Lectio Magistralis di fotografia e dintorni, promosse da Afip International e Cna Professioni.

Grandi fotografi, da Gianni Berengo Gardin a Gabriele Basilico, da Jodice a Cattaneo, dal MuFoCo alla Triennale di Milano

Incontri che arricchiscono il quinto incontro del terzo ciclo, con gli occhi, l'obiettivo e il talento di Guido Harari, nutriti dalla musica che continua a vibrare con le ballate di Fabrizio De Andrè, del quale è stato uno dei fotografi personali e organizzatore della mostra al Palazzo Ducale di Genova, insieme a quelle di
Bob Dylan, la chitarra di Frank Zappa e la magia di Lou Reed, e ancora Paolo Conte, Vasco Rossi, Bob Marley, BB King, Vinicio Capossela ...

Lou Reed fotografo e le "Rhymes" della luce

Il fotografo ideale per parlare di Ritratto come incontro (anche con la musica) insieme al critico musicale e giornalista di La Repubblica Gino Castaldo e il batterista della PFM Franz Di Cioccio.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Volete conoscere le storie dietro alle mie fotografie? Come fu entrare in collisione con FABRIZIO DE ANDRE' durante la leggendaria tournée con PFM nel '79? Come reagì BOB DYLAN quando salii sul podio della batteria per fotografarlo ad un metro all'Arena di Verona nell'84? Il mio rapporto di amicizia con LOU REED e LAURIE ANDERSON? Come fu lavorare tre anni (!) con FERNANDA PIVANO per il libro "The Beat Goes On"? E i miei incontri con GIANNI AGNELLI, GIORGIO ARMANI, PAOLO CONTE, RITA LEVI MONTALCINI, ENNIO MORRICONE, BOB MARLEY, LEONARD COHEN, JONI MITCHELL, TOM WAITS, PATTI SMITH, KATE BUSH e altri ancora? Volete sapere come si fa a "fotografare senza macchina fotografica" e fare di una passione il lavoro/progetto di una vita? Vi aspetto il 3 LUGLIO, alla TRIENNALE di Milano, ore 19, per raccontarvi tutto questo e di più insieme ai miei amici GINO CASTALDO e FRANZ DI CIOCCIO.

GUIDO HARARI – LOU-REED LAURIE ANDERSON, foto di Bruno Murialdo

Foto | GUIDO HARARI – LOU REED LAURIE ANDERSON, foto di Bruno Murialdo by AFIP
Via | AFIP - Facebook

  • shares
  • Mail