Instagram: l'11% dei tag #NoFilter sono falsi

Su Instagram l'11% delle foto con l'hashtag #NoFilter ha il realtà dei filtri... perchè si mente anche su queste cose?


Instagram è un social network divertente e anche di tendenza, scattiamo le fotografie, le sistemiamo e le condividiamo con i nostri amici o con il mondo intero. Una buona percentuale della fotografia di oggi non ne vuole più sapere di stare chiusa dentro armadi e cassetti, di prendersi del tempo e di “costruire”, è tutto social, immediato e istantaneo. Instagram, come tutto quello che in qualche modo ci riguarda, mette in mostra quello che siamo… quello che vogliamo condividere di noi stessi ma anche quello che filtra di noi senza che noi ce ne rendiamo conto. Gli hashtag sono un modo per condividere e farsi conoscere, uno dei tag più diffusi è #Nofilter, che dice a tutti che la foto è naturale senza aggiunta di filtri, effetti ecc, è tutta farina del proprio sacco, del telefono, della propria bravura e della luce.

filterfakers

In realtà però questo tag non mi ha mai fatto troppa simpatia perché è un modo per ribadire e sottolineare quanto si è “photographer”, che non si ha bisogno di sfruttare le potenzialità di Instagram su Instagram… Ci sono casi e casi, è ovvio, però Instagram è un gioco e come tale andrebbe preso, con e senza i filtri e tutti i nuovi strumenti di editing che ci permettono di fare davvero moltissime cose carine!

Instagram aggiunge 10 nuovi strumenti di editing

Uno studio condotto dal sito Spredfast ha evidenziato un dato un po’ triste, secondo le loro ricerche l’11% dei tag #NoFilter è una bugia, cioè pur scrivendo che non sono stati usati filtri, in realtà ci sono lo stesso. Su 100 persone che scrivono no filter, 11 stanno mentendo. La domanda che mi sorge spontanea è: “Ma perché?”

Guarda Instagram 6.0 su Android e iOS, valanga di novità per il social network

Questo fenomeno comunque non è una novità, esiste anche un sito che si chiama filterfakers.com che raccoglie e pubblica le foto incriminate…. Un po’ esagerato pure questo, ma curioso!

Fonte | petapixel

  • shares
  • Mail