Lovers Shirts fotografa donne nei panni di vecchi amori

Perché attribuiamo un significato ad un capo di abbigliamento? Cosa proviamo quando lo indossiamo? Come può un oggetto inanimato essere intriso di così tanta energia e scatenare queste reazioni?

LOVERS SHIRTS from herclayheart on Vimeo.

In fondo al mio armadio zeppo di abiti e ricordi di forme e desideri mutevoli e immutati, c'è anche quella maglia azzurra con Snoopy un po' sbiadito, i polsini lisi e qualche buchetto sulle orecchie, indossata per anni dal mio primo amore e poi da me.

Uno dei pochi ricordi tattili che custodisco gelosamente, come un pegno del primo sconvolgente incontro con le infatuazioni amorose, destinate a cambiare la prospettiva sulle emozioni e i sentimenti.

Una cosa che evidentemente ho in comune con molti altri, e le donne di ogni età, colore, razza, orientamento e temperamento, in posa con le T-shirt degli vecchi fidanzati, amori duraturi ed ex amanti, che hanno nutrito storie anonime nelle quali riconoscersi, per la gallery di Lovers Shirts del sito Herclayheart.com.

LS-1

Una gallery di volti tristi, riflessivi, sorridenti, nostalgici, emozionati, in lacrime, di corpi di donne che indossano T-shirt e camice, sformate e consumate, troppo grandi e troppo care per disfarsene, insieme ai ricordi anonimi di amori universitari, compagni persi dopo una vita passata insieme, una serata al concerto dei Chemical Brothers ...

Videoclip Story: The Chemical Brothers – Out Of Control

"Our role is not as passive observers but as active participants. Through a meditative series of memory-provoking questions, the subject, wearing his or her lover’s or ex-lover’s shirt, focuses on their image in a mirror. After sitting with their feelings and their own image reflected back at them for about ten minutes, we begin a conversation, holding a safe space for the vulnerability that is triggered by this piece of fabric."

LS-7

Un progetto emozionante sviluppato con la collaborazione in progress (e una buona dose di sintonia a complicità) della fotografa Carla Richmond Coffing e la scrittrice americana Hanne Steen, alla quale è balenata l'idea dopo aver trovato nell'armadio una camicia del suo primo fidanzato del liceo.

C’è qualcosa in questi pezzi di abbigliamento, anche se vecchi o rovinati, che li rende speciali e diversi rispetto agli altri. Il mio ultimo ragazzo aveva una pila di t-shirt che amavo indossare. Un giorno mi chiese perché le ragazze amano indossare le magliette dei propri fidanzati, e improvvisamente mi resi conto che non ero stata la prima ragazza ad aver indossato le sue magliette. Oltre a un po’ di irrazionale gelosia la sua frase suscitò in me una grande curiosità sul fenomeno. Quando la nostra storia finì, nel 2012, non conservai nessuna delle sue magliette, perché lui – le sue braccia intorno a me, il suo odore – mi mancava moltissimo. Così ho deciso di riversare quello che provavo in questo progetto, per esplorare i miei sentimenti di nostalgia e attaccamento e, in ultima analisi, il distacco. Ero curiosa di sapere se altre persone provavano gli stessi sentimenti: perché attribuiamo un significato ad un capo di abbigliamento? Cosa proviamo quando lo indossiamo? Come può un oggetto inanimato essere intriso di così tanta energia e scatenare queste reazioni?

Un progetto nato fotografando amici o parenti che raccontavano sensazioni e ricordi indossando una maglietta o una camicia di un ex, con foto e storie (anonime e non direttamente riconducibili alle protagoniste dei ritratti) pubblicate sul sito Herclayheart.com, dove è cresciuto con il passaparola e le richieste di donne desiderose di farne parte.

"The conversations are recorded as anonymous statements, and combined into one long block of text. The text is stripped of personal references – names, places, individual stories. We choose sentences, or fragments of sentences from the pool and string them together into one unending prose-poem, to express the varied and simultaneously universal relationships we have with our lovers’ shirts."


Foto | Lover Shirts Courtesy Hanne Steen e Carla Richmond Coffing di Herclayheart

  • shares
  • Mail