Mondiali Brasile 2014: le prodezze di Sergio Romero nella foto del giorno

Le due parate del portiere Sergio Romero consegnano la finale all'Argentina che vince ai rigori contro una fortissima Olanda


Ieri sera ai calci di rigori l’Argentina ha battuto l’Olanda e si è qualificata per la finale contro la Germania. La semifinale di ieri tra Argentina e Olanda è stata una partita brutta, un po’ noiosa e tutta giocata tra difesa e centrocampo, poche emozioni per noi che la guardavamo dalla televisione ma moltissima concentrazione per chi era in campo e sapeva di giocarsi la finale mondiale. L’uomo della partita è stato Sergio Romero, il portiere argentino che ha parato due rigori agli olandesi e ha portato l’Argentina in finale!

I rigori parati da Romero

Scopri le altre foto del giorno

La foto del giorno è la parata di Romero al rigore di Wesley Sneijder, la seconda prodezza del portiere argentino, che ha fatto diminuire sempre di più le speranze di vittoria della nazionale olandese. La foto che ho scelto per raccontare la partita secondo me è molto bella, c’è tutto: il portiere, la porta, il pallone, il volo del portiere e il viso deluso e amareggiato di Sneijder che porta su di se la responsabilità di questo rigore fallito.

Tutto sui Mondiali Brasile 2014 in diretta su calcioblog

Nell’uno contro uno dal dischetto tra il portiere e il rigorista la tensione è alle stelle, negli attimi che intercorrono tra la posizione della palla e il fischio dell’arbitro e tra questo e il calcio a pallone scorrono nella mente milioni di pensieri e speranze, le proprie e quelle del popolo che si rappresenta. Romero ieri è riuscito a parare due rigori contro un’Olanda che nei quarti aveva battuto la Costarica proprio ai rigori con due parate del portiere Krul, entrato in gara nell’ultimo minuto del secondo tempo supplementare, proprio perché esperto nei tiri dagli 11 metri.

Romero è stato bravo, mente fredda e lucida, credo che in quel momento si sia sentito invincibile ed un po’ lo è stato davvero…

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail