"Memoria" di Giorgio Palmera e Gino Bianchi al Lucca Photo Fest 2011


È la memoria, capace di annidarsi ovunque e giocare brutti scherzi, scavare tunnel nell’immaginario e svelare ai vuoti la presenza delle assenze, la protagonista di questa fotografia.

Sono i riflessi di prigioni abbandonate e i vuoti oscuri dei Centri Clandestini di Detenzione, Tortura e Sterminio, ancora intrisi della presenza dei desaparecidos 'fatti scomparire' nella Buenos Aires della dittatura militare, i protagonisti di tutti gli scatti e i ritratti corredati da interviste di Giorgio Palmera, raccolti e rieditati dall’antropologo Gino Bianchi nella "Memoria" edita da Postcart.

Un volume pieno di luoghi della memoria e memorie collettive raccolte da due membri della onlus "Fotografi Senza Frontiere", vincitore del primo Lucca Book Contest del Lucca Photo Fest, premiato nel corso della prestigiosa Face to Face Night di questa sera.

In ogni caso per tutti gli interessati agli sguardi d’oriente di questa settima edizione del Lucca Photo Fest, le 19 mostre allestite nel centro storico di Lucca e gli incontri del LPF proseguono sino all’11 dicembre 2011.

Il "Viaggio in Asia" di Kenro Izu Lucca Photo Award 2011, "Tokyo Baburu" di Francesco Jodice Premio Nikon TAF per la Fotografia Italiana, "Qui? o Là?" di Lin Tian Miao a Palazzo Ducale e l’anteprima assoluta di “VII Looks East” di VII Photo Agency a Palazzo Guinigi, si trattengo invece un po' di più, fino al 29 gennaio 2019, nel caso vi trovaste a passare per la piccola e sorprendente città medievale incastonata nel cuore della Toscana.

  • shares
  • Mail