Dalla pittura rinascimentale alle fotografie di Marco Schifano

Lo still life con animali di Marco Schifano rilegge la tradizione pittorica della natura morta, con fotografie al confine tra realtà e finzione, vita e morte.

Marco Schifano, Leone, 2012, stampa su carta baritata montata su alluminio, 104x140 cm, Ed. 2/3 +2 P.A

Tra combattimenti di galli su ring con gabbia, galline ruspanti con carciofi, troni per cigni, sedute per leoni, e signore guidata dallo spirito degli animali, Marco Schifano mette in scena la natura tumultuosa che continua a vivere in still life al confine tra realtà e finzione, vita e morte.

Come un maestro rinascimentale o un pittore fiammingo, il fotografo romano cresciuto 'giocando' con cineprese e macchine fotografiche sin dall'infanzia, rilegge la tradizione pittorica della natura morta, ricostruendo con accuratezza ogni elemento della scena, ricorrendo a piante rare, animali vivi, arredo ricercato e modelle vestite di segni e simboli.

Leggi anche: Fables, gli animali al museo di Karen Knorr

Una cura dei dettagli e dell’aspetto scenografico, della luce e delle ombre che congelano nell'istante il fluire della vita e del tempo, senza grossi interventi di post-produzione, come precisato anche nel testo di Gianluca Ranzi, inserito nel catalogo di Edizioni Tip.Le.Co.

Marco Schifano, Gallina ruspante con Carciofi, 2012, stampa su carta baritata montata su alluminio, 80x100 cm, Ed. 1/3 +2 P.

“C’è un profondo senso dell’avventura che anima le opere di Marco Schifano. L’avventura consiste anche nella creazione di immagini che contrappongono la rapidità istantanea dello scatto al tempo lungo richiesto dalla complessa preparazione di ogni set, delle luci, delle piante rare, degli animali vivi che vi compaiono, anche amplificata dall’assenza pressoché totale di interventi di post-produzione digitale sugli scatti realizzati”.

Approfondisci anche: 7 semplici trucchi fotografici per sfruttare gli oggetti dentro casa in un video di 3 minuti

Still life profondamente oscuri e conturbanti, pronti ad investire di un sapore antico e sguardi all'avanguardia le pareti dello Studio Giangaleazzo Visconti (c.so Monforte 23) di Milano, con una mostra che sarà possibile visitare dal 1 ottobre 2014 al 16 gennaio 2015, da lunedì a venerdì, 11.00 - 13.00; 15.00 – 19.00. ad ingresso libero

Foto | CLP

  • shares
  • Mail