Robert Doisneau. La Fotografia Umanista a Spilimbergo Fotografia 2014

«Le meraviglie della vita quotidiana sono emozionanti. Nessun regista cinematografico sarebbe capace di comunicare l’inatteso che si incontra per le strade» - Robert Doisneau

Il quotidiano con (la perenne) sigaretta in bocca e il cane al guinzaglio capace di ispirare la riflessione poetica di Jacques Prévert, che porta improbabili pescatori lungo la riva della Senna, la gestualità che non può essere fraintesa riversata per la strade parigine, con coppie di innamorati, ragazzini scatenati, perfetti sconosciuti.

Robert Doisneau, Les jonquilles

Scorci di vita colta dallo sguardo e l'obiettivo della macchina fotografica di Robert Doisneau, discreti e pronti a trasformare situazioni, reazioni e sensazioni in visione e piacere quotidiano, insieme a l'umanità che si disseta lungo i banconi dei bar, ruba spiragli di sole che scalda e abbronza al caffè, profuma l'asfalto di vite di passaggio, ruba baci all'eternità, porta l'intimità svelata' da qualche pennellata in vetrina, e le reazioni della gente comune dalla strada al cospetto della Gioconda al Museo del Louvre (Devant la Joconde).

Leggi anche: Robert Doisneau. Paris en liberté: ultima tappa a Genova

Un viaggio nel tempo e nella memoria che anima la 28a rassegna Spilimbergo Fotografia promossa dal CRAF, con la mostra Robert Doisneau. La Fotografia Umanista, inaugurata sabato 26 luglio alla Corte Europa di Spilimbergo, quando lo stessso CRAF - Centro di Ricerca per l'Archiviazione della Fotografia consegnerà l’International Award of Photography 2014 all’Atelier Doisneau, delle figlie del fotografo, Annette e Francine che conservano e valorizzano il suo ricchissimo archivio che comprende circa 450.000 fotografie. Una mostra visitabile dal 26 luglio al 7 settembre, giovedi-venerdì 16.00-20.00 /sabato e domenica 10.30-12.30; 16.00-20.00.

Rue de l'e?vangile, sd copy

Un prestigioso ospite per una rassegna che ne conta diversi, dai ritratti di grandi artisti di Maria Mulas alla celebrazione del colore di Franco Fontana, passando per i capolavori della storia della Fotografia conservati dall’archivio di Charles Henri Favrod e l'omaggio di Franco Martelli Rossi al ritrattista udinese Francesco Krivec con il premio Amici del CRAF – X Edizione, le Memorie dei paesaggi rubati dal progresso di Bruno Cattani e i reportage contemporanei di Monika Bulaj, il dramma friulano del Vajon di Michele Mattiello e quello di Fukushima fotografato da Uma Kinoshita, il racconto dell’antica via del Sale di Burkhardt Kiegeland e Willie Osterman, o le spiagge di Massimo Vitali, tra workshop e incontri.

Approfondisci: Spilimbergo Fotografia 2013, un Festival oltreconfine

«Quello che io cercavo di mostrare era un mondo dove mi sarei sentito bene, dove le persone sarebbero state gentili, dove avrei trovato la tenerezza che speravo di ricevere. Le mie foto erano come una prova che questo mondo può esistere.» - Robert Doisneau


Foto | Robert Doisneau. La Fotografia Umanista courtesy CRAF- Centro ricerca e archiviazione della fotografia

  • shares
  • Mail