Il mondo magico e surreale di James Popsys

Sogno o son desto? Le foto surreali e magiche di James Popsys


La fotografia è un’arte affascinante che ci permette di esprimerci in moltissimi modi diversi, si può raccontare la realtà che ci circonda ma anche trasformare in fotografia quello che abbiamo in mente. Due visioni diverse ma che ci danno la possibilità di esprimerci perché, a prescindere dal tipo foto, dentro ci siamo sempre noi, con la nostra sensibilità, i nostri occhi e la nostra curiosità. James Popsys è un fotografo inglese che cerca di dare una visione diversa del mondo che lo circonda, aggiunge un tocco surreale a situazioni normali e lo fa estremamente bene!

passeggiate in aria


Il fotografo James Popsys

racconta la sua Londra e le città europee in modo davvero suggestivo e originale, crea situazioni surreali in cui realtà e finzione si intersecano in modo talmente preciso che sembrano quasi possibili. Mi piace molto quando, grazie al fotoritocco, si da vita a mondi nuovi che prima esistevano solo dentro la nostra testa.

Guarda anche le foto del mondo surreale di Logan Zillmer

A queste fotografie si possono dare diverse interpretazioni, c’è chi ci vede delle vacanze alternative per chi vive in città, chi invece l’irriverenza del fotografo, chi sostiene che questi mondi paralleli esistano da qualche parte e chi ci vede un sapiente uso di Photoshop.

Sfogliando la fotogallery troverete autobus che attraversano a “nuoto” il Tamigi, persone che passeggiano nel vuoto, una ruota panoramica con la gomma della bicicletta (chissà che prossimamente non vada a farsi un giro), pescatori con la canna da pesca in metropolitana, palloncini pieni di acqua che scoppiano a contatto con i tetti dei palazzi, la città che risveglia da sotto un piumone e così via. Situazioni incredibili che ci fanno sorridere, riflettere, emozionare e che, in un modo o nell’altro, mettono in moto la nostra fantasia.

Leggi anche: Al confine del surreale con Silvia Grav

Foto | James Popsys (usate con il permesso dell’autore)

  • shares
  • Mail