L'Italia industriale in bianco e nero di Stefano Robino

Alle origini dell'Italia industriale e del rapporto tra uomo e macchine grandi come nuove cattedrali, con gli scatti in bianco e nero di Stefano Robino in mostra al CMC - Centro Culturale di Milano.

Con i prodigi della FIAT Grandi Motori di ieri nella memoria dei video dell'archivio storico Luce, e gli scatti che entrano in cantieri e officine con l'obiettivo di Stefano Robino, mi preparo ad un viaggio nel tempo e alle origini dell’Italia industriale che nasce a Nord.

Un ritorno al paesaggio industriale della FIAT Mirafiori e della periferia di Torino, fosche come certi ricordi che hanno finito per inquinare il presente, persi tra i viaggi della speranza e le partenze disperate, tra i bianchi e i neri densi e vividi del responsabile fotografico e pubblicitario della FIAT Grandi Motori a Torino e Trieste.

Stefano Robino, FIAT Grandi Motori,  fase di montaggio

“Fotografo con lo stesso spirito col quale si scolpisce un marmo. Cerco di scavare le mie luci ed ombre e ricavare, con cose vive, quelle forme che tanto mi appassionano”

L'occasione ideale per tornare all'incontro tra uomo e macchine, grandi come 'nuove' cattedrali, con tutto quello che ha origine dalla vita del primo e la potenza delle seconde, sfiorando quell’orgoglio del fare fuso con il vigore del costruire che sembra smarrito da tempo, dentro e fuori le fabbriche.

39 Stefano Robino, Torino, mattino tra edifici del Cottolengo

Un ritorno al cuore di quell’Italia industriale, con 45 fotografie dell’autore torinese, per lo più vintage print, realizzate dagli esordi su LIFE del 1951 a L’Europeo del 2012, insieme a documenti, riviste e materiali pubblicitari originali di un’epoca, in mostra con Stefano Robino. Il fare, il limite, la bellezza. Alle origini di un’Italia industriale.


La seconda tappa della trilogia “l’uomo e il fare”, sviluppata da CMC in collaborazione con Admira, e l'ideale approccio fotografico ai contesti di lavoro nelle nostre società, inaugurata con la geografia umana di Lewis Hine.

L'esposizione curata da Enrica Viganò e Camillo Fornasieri, col patrocinio della Regione Lombardia e del Comune di Milano, resterà al CMC - Centro Culturale di Milano (via Zebedia 2), dal 25 novembre 2014 all’8 febbraio 2015.

Stefano Robino, Giocatori di bocce

Solo uno degli appuntamenti della rassegna “Milano Cuore d’Europa” promossa dal Comune di Milano, accompagnata dal catalogo della collana I Quaderni del CMC, n.8, Admira Edizioni, con un saggio di Franco Loi, e diverse proposte educative e didattiche con visite guidate a tema dalla storia della fotografia, alla nascita di un’Italia industriale, al rapporto con la storia della società.

Foto | Stefano Robino. Il fare, il limite, la bellezza. Alle origini di un’Italia industriale (CLP)

  • shares
  • Mail