Il Perù di Martin Chambi alla Galerie VU’ di Parigi

Martin Chambi

Se passate da Parigi a breve, sappiate che il mese di marzo della galleria Vu sarà dedicato al lavoro di Martin Chambi. Partirà infatti una personale con quasi trenta scatti del grande fotografo peruviano, ingiustamente dimenticato. I cliché esposti hanno avuto una storia piuttosto complicata, sono stati infatti recuperati dal nipote dell'artista Téo Allain Chambi grazie all'interessamento di Juan Manuel Castro Prieto, altro grande fotografo affascinato dalle opere di Chambi, che ha il merito di esser stato il primo a realizzare le tirature a partire dalle lastre di vetro originali.

Castro Prieto ha scoperto il Perù all'inizio degli anni'90, seguendo i passi di Chambi e imprimendo una svolta decisiva al suo stesso stile. Il grande incontro con l'impegno del sudamericano, gli ha permesso di intravedere la quotidianità dell'esistenza indigena e le magnifiche rovine di Cuzco, vestigia che testimoniano il glorioso passato del popolo Incas, visto attraverso gli occhi di un discendente che non ha esitato ad arrampicarsi sul tetto del suo splendido mondo, per ritrarlo. Le Ande e la sua gente, ritornano alla vita nelle immagini dell'artista che l'illustre connazionale Mario Vargas Llosa, copriva di meritati elogi:

Sarebbe troppo arrischiato, insistere sul valore di testimonianza delle sue foto. Ne hanno indubbiamente uno, ma esprimono altrettanto dell'ambiente nel quale ha vissuto ed osservato [...] e quando si mette dietro la macchina fotografica diventa un gigante dotato di una vera forza inventiva e capace di ricreare la vita.

Via | photographie.com

Martin Chambi
Martin Chambi
Martin Chambi
Martin Chambi
Martin Chambi
Martin Chambi
Martin Chambi

  • shares
  • Mail