Digitale e pellicole: Rollei Scanfilm CN 400 pro e Rollei Digibase CN 200

Rollei Scanfilm 400 A quanto pare l'originale approccio adottato da Kodak con la sua Portra 400 CN per migliorare la resa in digitale delle pellicole analogiche ha avuto due illustri precedenti. Si tratta di Rollei (nota azienda ora sotto il marchio Maco, insieme ad Agfa) che con le sue Rollei Scanfilm CN 400 e con la successiva Rollei Digibase CN 200 ci offre due pellicole specificatamente pensate per la scansione. La prima è stata ampiamente testata e recensita su Tutti Fotografi di Gennaio 2008 mentre relativamente alla 200 CN (creata per lenire alcuni difetti della CN 400) ci sono davvero poche informazioni in rete.

Entrambe le pellicole presentano delle buone prestazioni. Sono entrambe pellicole senza maschera e questo fa assumere loro una saturazione cromatica minore di altre pellicole a colori, rendendole così adatte al ritratto e ad una fotografia dai toni più ricchi e delicati. Sono entrambe sviluppabili in C-41 e grazie ad una risoluzione pari a 260 linee/mm e con una mira di 1000:1 sono molto adatte anche riprodurre in modo più realistico i soggetti fotografati. Molto interessante è anche la granularità RMS pari a 7, molto bassa anche in paragone a pellicole dalla minore sensibilità.

Insomma, sulla carta due ottime pellicole ma in realtà nella rete non mancano le lamentele. In molti siti web dedicati alla fotografia infatti, si lamenta l'eccessivo risalto che la grana (per quanto fine) assume alla scansione e anche una difficoltà oggettiva a scansire la pellicola stessa in quanto, la mancanza della maschera, "sballa" la lettura dello scanner. Voi cosa ne pensate? I commenti di chi ha provato queste pellicole sono i benvenuti.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: