Interviste Clickblog: Jacopo Benassi

Jacopo Benassi

Spesso le persone quando vengono intervistate dicono meno di quello che vorrebbero dire. Il fatto di doversi raccontare agli altri a volte li mette in difficoltà, ponendoli nel dubbio se descriversi come sono oppure come vorrebbero essere visti. L'intervista che state per leggere è l'esatto contrario. Nessun freno, massima spontaneità, forse anche troppa. Più che un intervista è uno scambio di botte e risposte. O piuttosto di domande e botte. Ma racconta perfettamente la personalità eclettica del fotografo Jacopo Benassi.

Tre aggettivi per descrivere Benassi.

Ahahahahahshah!

Chi saresti e cosa faresti se nella tua vita non ci fosse la fotografia?

E chi lo sa!? Magari il fotografo.

Nell’intervista su YouMark! dici che “da non molto riesci a sopravvivere con il tuo lavoro”: per la tua esperienza è così difficile vivere di fotografia in Italia?

Cazzate, ho detto delle cazzate. Vivevo e vivo facendo foto! Basta lamentarsi, mi sono rotto il cazzo! Rinnego quella cazzo d'intervista!

Ti ritieni una persona ottimista o pessimista? Questo si riflette sul tuo modo di realizzare immagini?

Ahahah ahahahahaha!

Usi molto spesso l’autoscatto. C’è una particolare ragione che ti spinge a scambiarti nei ruoli di fotografo e soggetto?

Perché c'è differenza?

Nell’intervista su Ziguline sostieni che “L’uso del flash è un’esigenza fisica che in certe situazioni percepisco quasi come un limite”. Perché allora non superare questo limite?

Sono un masochista, mi stimola limitarmi, molti non lo fanno e si vede! Preferisco rinunciare a qualcosa! È la cosa più difficile in un fotografo o in un artista!

Nell’intervista su Artsblog quando parli del tuo libro “The ecology of Image” racconti che “non riesco a capire come un’agenzia di comunicazione pubblicitaria abbia accettato di pubblicare un libro che di advertising, di pubblicitario intendo, non ha assolutamente nulla”. Attualmente però lavori per riviste come Rolling Stone, GQ, Riders. Quindi alla fine sei riuscito a capire come ed in quale modo le tue immagini risultino adatte anche in ambito pubblicitario?

Faccio solo semplici fotografie, c'è qualche photoeditor che mi stima per quello che sono. A volte mi sopravvalutate!

C’è chi definisce la tua fotografia geniale. C’è chi ti definisce un artista. Ma c’è chi definisce la tua fotografia “scontata e banalotta”. Che ne pensi di tutti questi giudizio contrastanti?

Ahahahahahah che dire ahahaha hanno tutti ragione!

Come vedi il futuro di Benassi?

Chiedi al mago Silvan, se vuoi te lo presento.

Secondo te qual è la cosa più bella e quella più brutta del mestiere del fotografo?

Questo blog in entrambi i casi.

C’è un aneddoto particolare legato alle tue esperienze nel mondo della fotografia che vorresti raccontarci?

Si una volta Sergio Fregoso, quando uno gli chiese che tipo di fotografie facessi io, gli fece vedere una foto con all'interno del vetro le mie ditate unte! E gli disse questo è Jacopo Benassi !

Ci potresti mostrare una tua foto, magari alla quale sei particolarmente legato, e raccontarci la sua storia?

Chiedi troppo perche io non ho una foto cui tengo molto ! Comunque sempre l'ultima che faccio.

Benassi Ultima

Con quale fotocamera hai iniziato a fotografare ed a quale sei rimasto eventualmente più affezionato?

Con una Olympus OM10, una vera inculcata storica che mi diede un amico! Non posseggo più macchine o fotocamere!

Olympus OM10

Infine quali consigli vorresti dare a chi vorrebbe seguire le tue orme?

331 56 10656 non seguiremo chiamatemi posso anche ospitare... o meglio : datti all'ippica !

Jacopo Benassi
Jacopo Benassi
Jacopo Benassi
Jacopo Benassi
Jacopo Benassi
Jacopo Benassi
Jacopo Benassi
Jacopo Benassi
Jacopo Benassi
Jacopo Benassi
Jacopo Benassi
Jacopo Benassi
Jacopo Benassi

  • shares
  • Mail
109 commenti Aggiorna
Ordina: