Corpo e self-portrait di Francesca Woodman, aspettando Merano Arte

Aspettando la rassegna dedicata a Francesca Woodman, con il corpo arrotolato su stesso e lo sguardo all'avanguardia femminile

Mentre guardo donne che mandano in fumo un secolo di lotte e conquiste faticosamente ottenute dall'universo femminile, rivolgo lo sguardo all'avanguardia femminista degli anni '70.

Un viaggio nel tempo per chi non era ancora nato e chi ignora di cosa sto parlando, che sarà in mostra al museo d'arte di Amburgo, dal 13 marzo al 31 maggio 2015, con le opere della Collezione Verbund di Vienna e i contributi di rappresentanti del calibro di Birgit Jürgenssen e Francesca Woodman.

Le stesse entusiasmanti esploratrici del linguaggio fotografico e della rappresentazione del corpo femminile, scomparse entrambe in giovane età, pur lasciando un segno profondo nel mondo dell'arte e della fotografia del XX secolo.

Francesca Woodman, Self-deceit #1, Rome, Italy, 1978/1979 Schwarz-Weiß-Silbergelatineabzug auf Barytpapier/ Black-and-white gelatin silver print on barite paper © Courtesy George and Betty Woodman, New York / SAMMLUNG

Una ricca eredità ancora all'avanguardia che sarà anche fulcro della rassegna estiva del Kunst Meran - Merano Arte, con la mostra a cura di Gabriele Schor, in calendario dal 27 giugno al 20 settembre 2015.

L'incontro stimolante con fotografe di ieri come Francesca Woodman, capaci di far impallidire quelle della società dell’immagine di oggi, dopo più di un trentennio di sperimentazioni sull'arte di auto-ritrarsi e speculazioni sulla messa in scena edonistica di stessi, dilagata con il selfie.

Pratiche che non sfiorano neanche, la complessa esplorazione del rapporto dello spazio con il corpo e della rappresentazione di se stessa, toccate dalla giovanissima Woodman attraverso quella passione per l'auto-ritratto che si è rivelata ben più di una cosa conveniente, come risposto ironicamente alla domanda dell’amica Sloan Rankin

"It’s a matter of convenience, I’m always available"

Francesca Woodman, Untitled, Rome, Italy, 1977–1978/2006 Schwarz-Weiß-Silbergelatineabzug auf Barytpapier/ Black-and-white gelatin silver print on barite paper © Courtesy George and Betty Woodman, New York / SAMMLUNG

L'incontro con gli stimoli fertili della soggettività femminile, della serialità e della pratica concettuale, esplorata da questa figlia d'arte e fotografi del 1958, iniziando a fotografare all'età di 13 anni, laureandosi alla Rhode Island School of Design (RISD) nel 1975, con un approccio al lavoro giù maturo ed affermato, traendo ispirazione dalla permanenza a Roma, sperimentando con la fotografia di moda a New York, con le immagini in movimento e i libri d'artista, prima di gettarsi da una finestra a soli 22 anni, lasciandoci lasciandoci alle prese con la figura sfuggente e incombente del suo mito.

Francesca Woodman Untitled, Providence, Rhode Island, 1976/1999 S/W-Silbergelatineabzug auf Barytpapier / Black-and-white gelatin silver print on barite paper © Courtesy George and Betty

Quel 9 gennaio 1981 ricordato dalla Notte Fotografe di Sky Arte HD, dedicata alle donne dietro l’obiettivo e la messa in onda del film The Woodmans raccoglie meriti e contraddizioni, insieme a stimoli e letture fuorvianti della ricerca artistica di una giovane donna che cerca di rapportarsi con il mondo, la sua rappresentazione, con parametri destinati ad arrivare presto al capolinea.

“Ho dei parametri e la mia vita a questo punto è paragonabile ai sedimenti di una vecchia tazza da caffè e vorrei piuttosto morire giovane, preservando ciò che è stato fatto, anziché cancellare confusamente tutte queste cose delicate”

Francesca Woodman

L'eredità artistica arrivata sino a noi con soggetti femminili interpretati spesso come preludio estetico del suo suicidio, mentre gli studi di Gabriele Schor, Elizabeth Bronfen, John Mariz, Abigail Solomon-Godeau e Beate Söntgen, iscrivono il contributo artistico della Woodman nella tradizione del tableau vivant che l'attesa rassegna di Merano Arte promette di esporre.

80 fotografie della collezione Verbund in mostra per la prima volta in versione originale, insieme alla sua poetica e singolare messa in scena del corpo nello spazio, più interessato al riflesso speculare dello specchio o quello che riesce a nascondere e lasciar emergere la carte da parati, di quello che mortificano le leggi della fisica, della 'geometria organizzata' o i baluardi della razionalità.


L'abbraccio intenso e doloroso del genio creativi di Francesca Woodman e delle derive oniriche della realtà, esposto insieme al corpo, messo a nudo insieme alla sua intrigante intimità e affascinante individualità, tra giochi di ombre, di luce e irresistibile ricerca di un reticolo spazio-temporale nel quale arrotolarsi su se stesso.

 Francesca Woodman, Self-portrait talking to Vince, Providence, Rhode Island, 1977, Courtesy Sammlung Verbund Wien

La pubblicazione realizzata in questa occasione include un testo scritto dalla compagna della Woodman, Betsy Berna, e la prima biografia completa illustrata dedicata all’artista, a cura di Katarina Jerinic.

Birgit Jürgenssen, Nest, 1979 S/W-Fotografie © Estate of Birgit Jürgenssen / Bildrecht, Wien, 2015 / Sammlung Verbund, Wien

Una giovanissima donna dell'avanguardia femminista anni '70, in mostra con l'eterogeneo e complesso contributo artistico dell'austriaca Birgit Jürgenssen, attraverso 40 opere dedicate all’esplorazione di un corpo femminile, mascherato, frammentato, antropomorfo ma estremamente interessante da rileggere.


Francesca Woodman & Birgit Jürgenssen
Opere dalla Collezione Verbund

a cura di Gabriele Schor
26 Giugno - 20 Settembre 2015
Kunst Meran - Merano Arte
1 ° - 2° - 3° piano
Edificio Cassa di Risparmio,
Portici 163,
39012 Merano (BZ)
www.kunstmeranoarte.org

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Foto | Mostra Merano CPL + Wikipedia + Facebook + Getty

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail