August Sander a Palazzo Ducale di Genova

Il ritratto degli “Uomini del XX secolo” che aggira il divieto nazista, a Palazzo Ducale ed Expo 2015 con la retrospettiva di August Sander

La mostra di Frida Kahlo?e Diego Rivera?e quella di Nickolas Muray?Celebrity Portraits, hanno appena lasciato le sale del Palazzo Ducale di Genova, dopo aver offerto un prezioso contributo iconografico ai suoi visitatori e alla città, anche attraverso la raccolta fondi per l'alluvione che l'ha gettata tra fango e detriti.

Con un certo anticipo sul calendario, possiamo però già dare uno sguardo alla mostra che l'edifico storico del capoluogo ligure si prepara ad accogliere insieme ai ritratti di uomini, donne e città del XX secolo, colti da uno dei suoi più grandi fotografi tedeschi.

«Il mio primo incontro con la fotografia avvenne nel 1890, in un'epoca in cui il kitsch e la degradazione del gusto erano ancora al loro apogeo. Per me, come per tutti quelli che non ne avevano mai avuto, il primo apparecchio fotografico appariva come una scatola magica. I primi negativi che stampai mi procurarono una gioia immensa, più stemperata per i miei familiari, i quali trovarono che le rughe dei volti erano poche estetiche e creavano dei brutti effetti. Era come dire che la fotografia di un dilettante non ritoccata non poteva equivalere alle fotografie di pessimo gusto dei fotografi professionisti dell'epoca». - August Sander

Segreraia alla radio della Germania orientale, Colonia 1930

Il notevole contributo offerto alla fotografia da August Sander, tra i protagonisti della XIII edizione di FOTOGRAFIA – Festival Internazionale di Roma dedicata al ritratto, e dei 100 anni di conflitti messi a fuoco dalla fotografia in mostra con Questa è guerra! dal 28 febbraio al 31 maggio 2015, infatti animerà la retrospettiva realizzata dal Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura di Genova in collaborazione con la Photographische Sammlung / SK Stiftung Kultur di Colonia e il Goethe Institut Genua, arricchendo anche il contributo fornito dalla fotografia all'Expo 2015.

Dal 10 aprile al 23 agosto, il Sottoporticato di Palazzo Ducale esporrà oltre cento immagini di paesaggi e dettagli geologici, insieme a ritratti e dettagli di mani e volti in collage di grande formato, con I Contadini, Gli abili Commercianti, Le Donne, Classi sociali e Professioni, Gli Artisti, La Città e Gli Ultimi per la sezione “Uomini del XX secolo”, dedicata al monumentale progetto fotografico, perseguito tutta la vita documentando la gente della sua nativa Westerwald, vicino a Colonia.

August Sander, Pastry Cook, 1928

«Ho incominciato i primi lavori della mia opera “Uomini del XX secolo” nel 1911, a Colonia, mia città d’adozione.
Ma è nel mio paesetto del Westerwald che sono nati i personaggi della cartella. Queste persone delle quali io conoscevo le abitudini fin dall’infanzia mi sembravano, anche per il loro legame con la natura, designati apposta per incarnare la mia idea di archetipo. La prima pietra era così posta, e il “tipo originale” mi servì da referente per tutti quelli che ho trovato in seguito per illustrare nella loro molteplicità le qualità dell’universale umano». - August Sander

Una sorta di catalogo tipologico di oltre seicento fotografie del popolo tedesco, realizzato nonostante il divieto nazista di ritrarre soggetti che non aderivano al tipo ideale di razza ariana, la distruzione di molte lastre fotografiche e libri che le raccoglievano, insieme a quella del suo studio sotto un bombardato del 1944. Tutte ragioni che contribuiscono a rendere il contributo di August Sander ancora più prezioso.

August Sander, Soldier, 1940

Sul finire degli anni '20, Sander partì per un viaggio di tre mesi in Sardegna in compagnia dello scrittore Ludwig Mathar, con lo scopo di raccogliere il materiale sufficiente per un libro che non venne mai pubblicato, ma alcune di quelle foto in primavera saranno in mostra a Genova.

August Sander
10 aprile – 23 agosto 2015
Sottoporticato, Palazzo Ducale
Piazza Matteotti, 9
Genova

Foto | August Sander, Courtesy Palazzo Ducale di Genova

  • shares
  • Mail