Brassaï Pour l'amour de Paris

La Parigi illuminata dalle sue ombre e fotografata da BRASSAÏ, in mostra in Italia

«J'étais à la recherche de la poésie du brouillard qui transforme les choses, de la poésie de la nuit qui transforme la ville, de la poésie du temps qui transforme les êtres...» - BRASSAÏ

La passione di BRASSAÏ, pour l’amour de Paris, arriva in mostra al Palazzo Morando di Milano, con la brezza di primavera e di tutta la Fotografia che 'nutre' l'Espo 2015, mentre il profumo d'autunno la porta fino al Palazzo Ducale di Genova.

Montmartre, 1932 © Estate Brassaï

A non conoscere stagione è anche la ricerca della poetica della notte e della nebbia che trasfigura luoghi, gente e atmosfere, perseguita attraverso fotografia, disegno, pittura, scultura e scrittura da Gyula Halász, meglio noto come BRASSAÏ.

Il 'poeta della notte' di origine ungherese, arrivato a Parigi all'età di quattro anni, che stana l'anima della 'Ville Lumière' (la "città delle luci") dalle sue ombre scure, scrutandola da vette e prospettive che non temono vertigini e gargoyle.

La capitale francese avviluppata dalle tenebre che emerge dai graffiti delle sue mura fatiscenti e le finestre dei Grands Boulevards, dai vicoli sporchi e le banchine della metropolitana che accolgono anime erranti e viandanti ubriachi.

La Parigi delle prostitute e dei loro clienti, che si anima con festival e bistrot, artisti delle Folies Bergère e del circo, corpi umani nudi o appena coperti di pizzo e paura.

BRASSAÏ, pour l’amour de Paris, a cura di Agnés de Gouvion Saint Cyr, organizzata dalla Fratelli Alinari Fondazione per la Storia della Fotografia di Firenze, e dall'Institut français di Milano, promotore della rassegna cinematografica a tema, dopo l'Hôtel de Ville di Parigi, fa tappa al Palazzo Morando di Milano, dal 20 marzo al 28 giugno 2015 e al Palazzo Ducale di Genova, dal 3 ottobre 2015, prorogata fino al 7 febbraio 2016.

brassai%cc%88-pour-lamour-de-paris.jpg

Foto | BRASSAÏ, pour l’amour de Paris, Courtesy Fratelli Alinari Fondazione per la Storia della Fotografia di Firenze, Comune di Milano, Palazzo Ducale di Genova

  • shares
  • Mail