I bastoni per i selfie vietati nei musei degli Stati Uniti

I bastoni per i selfie o Selfie Sticks sono stati vietati in vari musei americani, sono pericolosi e disturbano gli altri visitatori...


I bastoni per i selfie o Selfie Sticks sono l’accessorio must have del momento, se fate una passeggiata nelle grandi città vi accorgerete che ne siamo sommersi, tra chi li vende e chi li usa è un delirio! Negli ultimi mesi mi è capitato di andare qualche giorno a Roma e a Milano e di Selfie Sticks ce ne sono un’infinità… fanno quasi paura!

Gli Stati Uniti, e molti altri Paesi, hanno deciso di prendere di petto la questione Selfie Sticks e ne hanno vietato l’utilizzo, prima allo stadio e adesso anche ai musei, secondo le nuove leggi in vigore sono stati vietati in molti dei più famosi musei americani.

Tra i musei che hanno deciso di dire basta all’utilizzo dei bastoni per i selfie ci sono il Metropolitan Museum of Art di New York City, il Museo d’Arte Moderna di New York, la National Gallery of Art, il The Smithsonian, il Museo Hirshhorn and Sculpture Garden a Washington DC e il Museum of Fine Arts di Houston. Ci sono tanti musei, anche italiani, in cui è vietato portare le macchine fotografiche e persino fotografare le opere e farsi i selfie, inoltre se l’attrezzatura è nello zaino sarete costretti a lasciarla negli appositi box con la chiave.

bastoni-selfie-vietati-musei

I bastoni per i selfie sono accessori un po’ invadenti che possono avere un senso all’esterno, dentro i musei disturbano soprattutto perché di solito c’è molta gente e rovinano l’atmosfera e le magie delle opere che si va a guardare… e si paga per vedere!

I Selfie Sticks quindi, non solo disturbano, ma possono essere anche pericolosi per le opere, quando si è in cerca del selfie perfetto anche un’opera importante, passa in secondo piano, così come la nostra sicurezza

Treppiedi e monopiedi sono già vietati, mi sembra giusto e normale che lo siano anche i Selfie Sticks… Voi che ne pensate? Li avete mai usati? Confessate…!

Foto | da Flickr di tabor-roeder

  • shares
  • Mail