Alex Masi, la storia a lieto fine di una foto

La fotografia che Alex Masi ha realizzato il 24 agosto del 2009 a Bhopal che ha cambiato per sempre la vita di una famiglia.

Quanto vale una fotografia? Qual è il vero potere di un’immagine? Queste domande non è la prima volta che ce ne facciamo e in realtà dovremmo farlo più spesso, soprattutto in questi giorni in cui le foto del Nepal stanno facendo il giro del mondo. Oggi vi racconto la storia di una foto, una bellissima immagine che il fotografo Alex Masi ha scattato il 24 agosto del 2009 a Bhopal.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/sdk.js#xfbml=1&version=v2.3"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

August 25, 2009Poonam, 6, is revelling under the heavy monsoon rain in the impoverished Oriya Basti colony in Bhopal,...

Posted by A Better Tomorrow: Poonam's Tale of Hope in Bhopal on Sabato 3 marzo 2012

Alex Masi si trovava a Bhopal per fare delle foto a Sachin Jatev, un ragazzo affetto da paralisi e deformità scheletrica a causa del terribile incidente che c’è stato nel 1984. Ad un certo punto ha iniziato a piovere e la pioggia in questi luoghi è un evento piuttosto raro, Alex ha visto la sorellina di Sachin, Poonam, mentre si rinfrescava sotto la pioggia e le ha scattato delle foto.

Una di queste è il bellissimo scatto che vedete in apertura con cui Alex Masi ha partecipato al concorso Photographers Giving Back Photo Award ed ha vinto 5000 dollari, questi soldi li ha utilizzati tutti per aiutare Poonam e la sua famiglia. Invece di consegnare la cifra per intero, il fotografo (aiutato da un traduttore), ha cercato di offrirgli una possibilità di vita migliore avviando un progetto a lungo termine che potesse garantire a tutti un futuro più stabile. Hanno costruito una casa fatta con veri mattoni e acquistato un carro, il padre è passato dall’essere un bracciante al poter vendere i suoi ortaggi.

Alex ha spiegato:

“Quando fotografi le persone, a volte sembra che tu prenda qualcosa da loro. Quando arrivai per la prima volta da loro provai a spiegargli che non avrei potuto aiutarli direttamente ma che, se mi avessero lasciato scattare delle foto, forse qualcuno gli avrebbe dato una mano. Io sono il ponte tra i lettori e i soggetti. È questo il mio ruolo. Cerco di non dare alle persone l'idea che le mie foto cambieranno la loro vita ma, in questo caso, è quello che è successo”.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/sdk.js#xfbml=1&version=v2.3"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

In Bhopal, Poonam is growing up fast. https://poonam.alexmasi.co.uk/Eleven year old in October 2013, she dreams of becoming a teacher.

Posted by A Better Tomorrow: Poonam's Tale of Hope in Bhopal on Lunedì 9 settembre 2013

Adesso Alex sta continuando ad aiutare la famiglia, il fratello maggiore Ravi ha deciso di lavorare, le sorelline Poonam e Jyoti invece stanno andando a scuola per costruirsi un futuro e sognano di diventare insegnanti. Alex Masi ha creato anche una ONG per aiutare gli altri bambini del villaggio.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/sdk.js#xfbml=1&version=v2.3"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Dear friends, I kindly invite you to read a bit more, and possibly SHARE, my long-term fundraiser - with many #REWARDS...

Posted by A Better Tomorrow: Poonam's Tale of Hope in Bhopal on Giovedì 18 settembre 2014

Tornando al valore di una foto, Alex ha raccontato che anche lui si sente arricchito ed ha guadagnato molto da questa esperienza:

“Passo gran parte del mio tempo ad assistere impotente alle vite di persone disperate in Iraq, in Afghanistan, in Nigeria. Questa impresa mi permette di assistere all'altro lato della medaglia, a quelle situazioni in cui le persone riescono a rialzarsi dopo aver subito un duro colpo. Mi aiuta a scaricare la tensione e mi dimostra che il mio lavoro può davvero cambiare le cose”.

Fonte | independent

  • shares
  • Mail