Un fotografo ha definito una cliente "la sposa più brutta del mondo"

Offendere i propri clienti e i propri datori di lavoro sui social network non è mai una buona idea... soprattutto se fai il fotografo di matrimonio!

image001 (2).png

Per lavorare con le persone ci vogliono passione, pazienza ed una naturale propensione alla gentilezza, altrimenti è meglio scegliere impieghi in cui si dialoga con se stessi o con qualche computer. Un fotografo di matrimonio ha definito una delle sue spose “la più brutta che avesse mai visto”, nell’era di Facebook il commento maleducato è stato scritto proprio sul social network, scatenando una polemica senza fine.

Il fotografo in questione si chiama Lee Maxwell Judd, è australiano e ha anche una pagina Facebook molto attiva. Sotto una foto ha scritto che quella ritratta era la sposa più brutta mai fotografata e l’ha anche chiamata “Bridezilla” un nomignolo che deriva da godzilla.

I protagonisti di questa spiacevole vicenda sono Ashlea e Daniel Howard che si sono sposati a febbraio, che poi non solo la sposa non mi sembra affatto brutta ma, anche se fosse, quale sarebbe stato il problema? Poteva rifiutare l’ingaggio e dedicarsi solo alle spose belle. Probabilmente questo commento è riferito a qualche atteggiamento avuto durante il matrimonio, qualche imprevisto o un battibecco, ma di certo non è carino offendere i propri clienti in pubblico su Facebook. Nella vita ci vuole un po’ di eleganza per svincolarsi dalle situazioni antipatiche e fare buon viso a cattivo gioco, almeno se si tratta di lavoro.

Il commento poco felice di Lee Maxwell Judd ha fatto il giro del mondo e si sono scatenate le polemiche, dall’altro lato però tutta questa notorietà (seppur negativa) lo ha aiutato a diventare famoso e pare abbia prenotazioni fino al 2019.

Lee Maxwell Judd si è giustificato dicendo che il commento è stato aggiunto da un hacker... è un po’ difficile da credere ma tutto è possibile!

Da tutta questa storia una cosa l’abbiamo imparata: mai criticare i propri clienti (ma anche i datori di lavoro) sui social network!

Fonte | petapixel

  • shares
  • Mail