Il mondo perduto di Latoya Ruby Frazier

il mondo perduto di Ltoya Ruby Frazier
La giovane Latoya Ruby Frazier si è rivolta verso le immagini per far luce sulle sue origini. Il filtro dell'obiettivo, molto spesso girato verso i suoi medesimi tratti, le ha permesso di analizzare nel profondo il destino dei membri della sua famiglia e quello di Braddock, ex-cittadina mineraria della Pennsylvania dall'oscuro presente.

Un posto in cui anche gli abitanti, un tempo operosamente occupati nelle attività di estrazione, subiscono gli effetti di una decadenza annebbiata dal crack e nel quale la disperazione è palpabile, ben oltre il breve risalto stampa derivante dalla campagna pubblicitaria Levi's 2010, intitolata significativamente "Go Forth". Non i bei volti e i corpi scolpiti di presunti residenti ammantati dell'aura di pionieri del Nuovo Mondo, ma gli autentici relitti sofferenti e scarnificati del "sangue del suo sangue", soprattutto femminile.

Una testimonianza necessaria, non solo per ragioni personali, se si riflette su una realtà assurda supportata dalla totale assenza di tracce della comunità di colore che, nonostante rappresenti la maggior parte della popolazione, non è nemmeno menzionata negli archivi della città, ma anche un dovere di cronaca e di memoria che si riassume nelle parole-guida della fotografa:

Archivio una storia che è stata cancellata.

© LaToya Ruby Frazier

il mondo perduto di Ltoya Ruby Frazier
il mondo perduto di Ltoya Ruby Frazier
il mondo perduto di Ltoya Ruby Frazier
il mondo perduto di Ltoya Ruby Frazier
il mondo perduto di Ltoya Ruby Frazier
il mondo perduto di Ltoya Ruby Frazier
il mondo perduto di Ltoya Ruby Frazier

Via | latoyarubyfrazier.com

  • shares
  • Mail