Piergiorgio Branzi. Flâneur alla Leica Galerie Milano

Dopo l'universo in Rock di Jim Marshall e quello scapigliato della scena punk nella San Francisco di Stanley Greene, l'identità dei ritratti (fotografici) e la generazione dei "nati liberi" nelle toownship sudafricane post apartheid, gli spazi espositivi della Leica Galerie Milano si preparano ad accogliere note più eleganti di nero definitivo e bianco bucato, con una selezione di scatti di Piergiorgio Branzi.

Un gentiluomo che coglie emozioni dall'esplorazione del paesaggio urbano e umano, alla stregua del vagare immerso nelle vie cittadine del Flâneur di Charles Baudelaire, passando dalla ripresa alla camera oscura, dalla tradizione figurativa rinascimentale toscana al “ritratto ambientato” di monsignori, bambini, borghesi e paesani, colti di sorpresa, con sottile sarcasmo e una vivida caratterizzazione psicologica.

scanno-1955-piergiorgio-branzi-courtesy-contrasto-galleria-milano.jpg

Un'evoluzione stilistica innescata dall'incontro con Mario Giacomelli

“aveva più o meno la mia età, e con lui stabilii un certo sodalizio artistico, perché tutti e due impegnati, in quel momento, a scandagliare le possibilità d’impianto espressionista: toni definitivamente neri e bianchi bucati, mangiati nella ripresa e nella stampa. In accordo definimmo questo segno l’identificazione stessa del fare fotografia, e su questo richiamo alla grafica stabilimmo un rapporto di intesa che contribuì ad avvicinarci anche sul piano dell’amicizia…”

Piergiorgio Branzi

ischia-1954-piergiorgio-branzi-courtesy-contrasto-galleria-milano.jpg

Il celebre fotografo fiorentino e maestro del “ritratto ambientato”, che su invito di Italo Zannier, nel 1995 riprende in mano la sua Leica per 'seguire' in Friuli gli "Itinerari Pasoliniani" con Barbieri, Basilico, Berengo Gardin, Fontana, Gioli e Scianna, tra i tanti.

Il Flâneur protagonista di un viaggio in 30 scatti, in gran parte stampe giclée, animate dallo spessore di ombre e i bagliori di insalate, la grana di muri incisi e quella di superfici capaci di liberare astrazioni e fantasia, con la mostra inaugurata alle ore 18.30 di martedì 30 giugno 2015, nella Leica Galerie Milano e realizzata in collaborazione con Contrasto Galleria Milano.

atene-caffe-in-piazza-omonia-1957-piergiorgio-branzi-courtesy-contrasto-galleria-milano.jpg

Flâneur - Piergiorgio Branzi
30 giugno - 12 settembre 2015
Leica Galerie Milano
Via Mengoni, 4 (angolo Piazza Duomo)
lunedì, ore 14.30-19.30
martedì-sabato, ore 10.30-19.30
domenica chiuso
Ingresso gratuito

adriatico-1957-piergiorgio-branzi-courtesy-contrasto-galleria-milano__.jpg

Foto | Flâneur © Piergiorgio Branzi/Courtesy Contrasto Galleria Milano

  • shares
  • Mail