Nan Goldin inedita alla Guido Costa Projects

Uno sguardo inedito al contributo artistico di Nan Goldin con la mostra di scatti degli anni bostoniani (1970-1974)

Parte del diario pubblico 'di ricordi intimi e sofferenze private' di Nan Goldin è ancora da scrivere, ma la Guido Costa Projects di Torino può offrirne uno sguardo inedito sulla fotografa, esponendo i frutti maturi della sua lunga collaborazione con la Goldin, intrapresa con progetti espositivi, editoriali e di vita, in Italia e nel mondo.

Un progetto storico e documentario che viaggia nel tempo, tornando con la timida Nan poco più che adolescente agli anni dei suoi primi passi e scatti, rivolti con un punto di vista già intimo e disinvolto a quella che sarebbe diventata la grande famiglia di una delle voci artistiche più radicali e innovative della scena artistica internazionale.

nan goldin anni bostoniani (1970-1974),

Trentasei fotografie scattate tra il 1970 e il 1974 all'universo che, un decennio dopo nutrirà le ballate di anime perse nella violenza, l’estasi, la disperazione, la sessualità e il cambiamento di genere (The Ballad of Sexual Dependency, 1986 ) nella downtown di New York, ma già anticipa forza, disinvoltura, passione e urgenza creativa della poetica di Nan Goldin.

Scatti in bianco e nero e dei primi esperimenti con il colore della brillante esordiente, sviluppati e stampati dall’artista in un numero limitatissimo di copie, quando non unico, spesso di piccolo formato e in parte ancora inediti.

nan goldin anni bostoniani (1970-1974),

Documenti privati che portano in mostra un frammento significativo dell’arte e della fotografia di Nan Goldin, insieme a quel desiderio risvegliato dalle immagini, che il Kestnergesellschaft di Hannover espone con le fotografie di mitologiche opere d'arte custodite dal Louvre parigino, in dittico con le altrettanto celebri incursioni nei bassifondi dell'anima della fotografa.

La mostra della Guido Costa Projects è comunque solo il primo passo di un progetto più complesso e ambizioso dedicato a Nan Goldin, articolato in una serie di appuntamenti espositivi diluiti nel tempo ed indirizzato ad una ricognizione puntuale di alcune tra le componenti più segrete ed intime della sua storia d’artista, quindi consiglio di seguire la loro programmazione.

nan goldin / nan goldin
fino al 24 ottobre 2015
Guido Costa Projects
via Mazzini 24
Torino
lunedì-sabato, ore 15.00-19.00.

nan goldin anni bostoniani (1970-1974),

Da oggi, lunedì 6 luglio, fino al 15 luglio, chi si trova o passa per Londra può anche approfittare del contributo filmico dedicato alla fotografa con Nan Goldin and Friends al Barbican Centre, che contempla l'esplorazione della fantasia erotica femminile nella comunità creativa della Lower East Side di New York all'inizio degli anni 1980, diretta da Bette Gordon con un un breve cameo di Nan Goldin, quanto il debutto di Lisa Cholodenko con High Art (1998) premiato al Sundance Film Festival.

  • shares
  • Mail